Tellurio nativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tellurio nativo
Tellurium.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10)1.CC.10
Formula chimicaTe[1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinodimetrico
Sistema cristallinotrimetrico[2]
Classe di simmetriatrapezoedrica
Parametri di cellaa=4,456(1), c=5,921(2), V=101,82(5), Z=3[2]
Gruppo puntuale3 2[1]
Gruppo spazialeP 3121 o P 3221[2]
Proprietà fisiche
Densità6,24 (calcolata)[2] g/cm³
Durezza (Mohs)2-2½[1]
Sfaldaturaperfetta secondo {1010}, imperfetta secondo {0001}[1]
Fratturafragile[1]
Colorebianco stagno[1]
Lucentezzametallica[1]
Opacitàopaco[1]
Strisciogrigio[1]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

Il tellurio nativo è un minerale composto solamente da tellurio scoperto da Franz-Joseph Müller von Reichenstein nel 1783 a Faţa Băii (Facebay) e Baia de Arieș (Offenbánya) in Transilvania, Romania. Il nome del nuovo elemento e quindi del minerale è stato attribuito da Martin Heinrich Klaproth dalla parola latina tellus (terra).[3]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il tellurio nativo si presenta in forma colonnare o in masse compatte e anche in cristalli fino a 3,5 cm di forma prismatica ed aciculare.[1]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Il tellurio nativo si forma nelle vene idrotermali associato con oro nativo, silvanite, empressite, altaite, pirite, galena, alabandite, barite, quarzo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols, Handbook of Mineralogy (PDF), Chantilly, VA 20151-1110, Mineralogical Society of America.
  2. ^ a b c d (EN) Claire Adenis, Langer Vratislav, Lindqvist Oliver, Reinvestigation of the structure of tellurium, in Acta Crystallographica, C45, 1989, pp. 941-942. URL consultato il 28 dicembre 2012.
  3. ^ (FR) J. C. Delamétherie, Sur le tellurium, nouveau métal trouvé par Klaproth (PDF), in Observations sur la Physique, sur l'Histoire Naturelle et sur les Arts, vol. 46, 1798, pp. 158-158. URL consultato il 28 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia