Tamoil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tamoil
Logo
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
Fondazione1983
Fondata daRoger Tamraz
Sede principaleL'Aia
GruppoOilinvest (Netherlands) B.V
Persone chiaveIsam Zanati, Luca Luterotti
Settorepetrolifero
Fatturato6,7 miliardi di euro (2007)
Dipendenti369 (2007)
Sito web
Un distributore di benzina Tamoil.

Tamoil è il marchio commerciale con il quale è conosciuta Oilinvest, società petrolifera con sede nei Paesi Bassi e siti estrattivi in Libia. Oilinvest opera principalmente in Europa ed Africa. Nel 2004 Oilinvest aveva circa 3.000 stazioni Tamoil in Europa ed oltre 150 in Africa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta, Roger Tamraz, banchiere internazionale leader del gruppo NetOil Inc. fondò la società europea Tamoil Corporation acquistando in blocco le stazioni di Amoco e Texaco presenti in Italia. "Tamoil" è infatti l'acronimo ottenuto dalla fusione di "Tamraz" e "NetOil" (ma a sua volta comprende "T" di Texaco e "am" di Amoco).

Alla fine degli anni ottanta fu venduta al governo Libico. Negli anni novanta, la Tamoil si espanse in Svizzera (1990), Germania (1991), Spagna (1992) e Paesi Bassi (1993).

A partire da settembre 2012 il 70% della proprietà è della libica National Oil Corporation e il 30% del governo libico.

Tamoil in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia opera attraverso Tamoil Italia S.p.A. avente sede a Milano, via Andrea Costa 17, che fa capo a Oilinvest Netherlands B.V.

Sul territorio italiano non vi sono raffinerie a marchio Tamoil: l'unica, situata nella città di Cremona, è stata riconvertita a deposito nel 2010. La raffineria faceva capo a Tamoil Raffinazione S.p.A., società del gruppo, indipendente da Tamoil Italia S.p.A.

Nel 2005 aveva sottoscritto un accordo decennale da 240 milioni di euro per diventare jersey sponsor della Juventus, rendendo all'epoca la squadra torinese la più pagata al mondo per uno sponsor di maglia;[1] l'accordo è stato rinegoziato nel 2006 dopo lo scandalo Calciopoli.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Griseri, Una pioggia d'oro sulla Juventus, maxi contratto con la Tamoil, su repubblica.it, 26 marzo 2005.
  2. ^ La Juve fa i conti senza Tamoil, su gazzetta.it, 26 dicembre 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]