Stuart Lane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stuart Lane
Dati biografici
Paese Regno Unito Regno Unito
Altezza 183 cm
Peso 92 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Galles Galles
Ruolo Terza linea ala
Carriera
Attività di club¹
1973-81 Cardiff 158 (176)
1981-82 Newport 2 (0)
1982-XX Newbridge
Attività da giocatore internazionale
1978-80 Galles Galles 5 (0)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 10 settembre 2017

Stuart Morris Lane (Tredegar, 12 novembre 1952) è un ex rugbista a 15 internazionale per il Galles che vanta la singolarità statistica di essere il convocato per i British Lions dalla carriera più breve con tale maglia.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da Tredegar, villaggio del distretto di Blaenau Gwent, Lane iniziò a giocare a livello seniores nel Cardiff; terza ala molto rude, era uso anche tentare di intimidire l'avversario per imporsi fisicamente[1].

Esordiente in Nazionale contro l'Australia in un tour gallese di metà anno nel 1978, vantava 5 presenze quando fu convocato dai British Lions per il loro tour in Sudafrica del 1980.

Lì passò suo malgrado alla storia della selezione interbritannica per esserne divenuto il detentore del record di giocatore con la più breve carriera: infatti dopo soli 55 secondi di gioco del primo incontro, un infrasettimanale contro Eastern Province, in un contatto si procurò la rottura del legamento crociato anteriore di un ginocchio[2]. Dopo quell'infortunio non disputò più alcun incontro internazionale, e si trasferì dapprima al Newport e, a seguire, a Newbridge dove terminò di giocare; dopo la fine dell'attività agonistica continuò con il suo lavoro di insegnante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scally, pag. 44
  2. ^ (EN) Stuart Lane, su lionsrugby.com, British and Irish Lions. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'originale il 10 settembre 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]