Strife (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strife
Strife.png
Immagine di gioco
Sviluppo Rogue Entertainment
Pubblicazione Velocity
Ideazione Jim Molinets
Data di pubblicazione 31 maggio, 1996
Genere Sparatutto in prima persona, Videogioco di ruolo
Tema Post-apocalittico
Modalità di gioco Singolo giocatore o Multiplayer (2-4 giocatori)
Piattaforma MS-DOS
Motore grafico Doom Engine
Supporto CD-ROM
Requisiti di sistema Processore 486, 8 MB di RAM,
DOS 5.0 o successivo
Periferiche di input Tastiera, Mouse, Joystick, Gamepad

Strife è un videogioco del genere sparatutto in prima persona sviluppato da Rogue Entertainment e prodotto dalla Velocity nel 1996.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un asteroide precipita sulla Terra, riportando la società del pianeta al medioevo. A seguito dell'impatto un pericoloso virus contenuto nell'asteroide, in grado di causare terribili mutazioni agli esseri umani e di trasformarli in mutanti, comincia a diffondersi sul pianeta. Approfittando del disordine, un gruppo di uomini costituisce una società, chiamata L'Ordine che prende il potere, dopo una la guerra, e così l'intero pianeta cade nelle sue mani. Essa ha come obiettivo di sostituire la razza umana con una stirpe di cyborg. Il giocatore impersona un mercenario che si troverà invischiato nella lotta tra i ribelli che intendono liberare la Terra dalla schiavitù, e L'Ordine. È possibile arrivare a tre finali differenti, a seconda che il giocatore si fidi del leader dei ribelli, Macil, oppure lo uccida o che muoia nello scontro con il boss finale, The Entity.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Doom Engine.

Il motore grafico del gioco è basato su quello di Doom della id Software: ciò viene talvolta imputato come motivo dello scarso successo commerciale del gioco, dato che nel medesimo periodo erano usciti giochi tecnicamente superiori come Duke Nukem 3D o Quake.[senza fonte]

Il gioco è progettato per il sistema operativo MS-DOS; oggi è possibile giocare sotto Windows attraverso vari ports come ad esempio ZDoom.[1].

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Pur essendo basato sul motore grafico di Doom, il gioco presenta parecchie differenze:

  • non è suddiviso in livelli, bensì è dotato di un sistema a hub (come Hexen), dando al giocatore una discreta libertà di movimento;
  • è possibile interagire con personaggi non giocanti, che possono influenzare la trama a seconda delle risposte date;
  • è presente un inventario, dove finiscono gli oggetti raccolti che possono essere usati quando occorre;
  • sono presenti infine elementi multimediali come video e voci dei personaggi digitalizzate.

Il gioco si svolge su un pianeta del tutto simile alla Terra; le principali locazioni sono castelli, basi militari, città, fabbriche.

Essendo il gioco ambientato in un mondo fantasy-futuristico-medievale, le armi a disposizioni del giocatore sono sia antiche che futuristiche; tra le altre, è possibile impugnare balestre, mitragliatrici, lanciarazzi, lanciafiamme.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ About ZDoom

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi