Stella octangula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stella octangula
Stella octangula.png
TipoPoliedro composto
Forma facceTriangoli
Nº facce8
Nº spigoli12
Nº vertici8
Valenze vertici3
Duale Stella octangula
Proprietànon chirale

In geometria solida la stella octangula (regolare) è uno dei cinque poliedri composti regolari, ottenuto unendo due tetraedri uguali ruotati di 180° e uniti nei baricentri. Si può anche considerare una stellazione dell'ottaedro.

Dualità[modifica | modifica wikitesto]

La stella octangula è un poliedro autoduale: il suo poliedro duale è ancora una stella octangula.

Altri solidi[modifica | modifica wikitesto]

La chiusura convessa della stella octangula, ovvero il più piccolo poliedro che la contiene, è un cubo i cui 8 vertici, alternati, sono i vertici dei due tetraedri; le diagonali delle sue facce sono gli spigoli dei due tetraedri.

L'intersezione dei due tetraedri è un ottaedro le cui 8 facce giacciono sulle facce dei tetraedri. La stella octangula si può quindi ottenere incollando piramidi triangolari su ogni faccia di un ottaedro.

Lo scheletro della stella octangula e dell'ottaedro nel suo nucleo

Simmetrie[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo delle simmetrie della stella octangula ha 48 elementi; il gruppo delle simmetrie che preservano l'orientamento è il gruppo ottaedrale . Sono gli stessi gruppi di simmetria dell'ottaedro e del cubo.

Nell'arte[modifica | modifica wikitesto]

Una stella octangula dorata decora la guglia del campanile del Duomo di Venzone.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. M. Cundy & A. P. Rollett. I modelli matematici Milano, Feltrinelli, 1974 ISBN 88-339-1458-5
  • Maria Dedò. Forme, simmetria e topologia Bologna, Zanichelli, 1999 ISBN 88-08-09615-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica