Stazione di Urbino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Urbino
stazione ferroviaria
Ex Stazione FS Urbino.jpg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Urbino
Coordinate 43°43′03.23″N 12°38′10.14″E / 43.717563°N 12.63615°E43.717563; 12.63615Coordinate: 43°43′03.23″N 12°38′10.14″E / 43.717563°N 12.63615°E43.717563; 12.63615
Linee Urbino-Fabriano (1898-1944)
Fano-Urbino (1916-1987)
Santarcangelo-Urbino (mai completata)
Caratteristiche
Tipo stazione in superficie, testa
Stato attuale Dismessa
Attivazione 1898
Soppressione 1987
Binari 2

La stazione di Urbino era una stazione ferroviaria posta lungo le ferrovie Urbino-Fabriano e Fano-Urbino, a servizio dell'omonimo capoluogo di provincia marchigiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione venne inaugurata il 20 settembre 1898 insieme al tronco Urbino-Pergola della ferrovia Urbino-Fabriano. La stazione è passante in quanto parte della mai completata linea Santarcangelo-Urbino[1].

Il 30 luglio 1916 venne collegata con Fano mediante la linea Fano-Urbino[1].

Il 1º gennaio 1933 fu chiusa al traffico ferroviario proveniente da Fano (R.D.L. 14 ottobre 1932 n. 1496) sostituito da un autoservizio della Società Anonima Servizi Automobilistici Pesaro Urbino Macerata Feltria (SAPUM)[1].

Con l'assunzione del servizio ferroviario da parte delle Ferrovie dello Stato, l'8 maggio 1942 avvenne la riattivazione di corse dirette da Pesaro ad Urbino[1].

Nel 1944, durante il secondo conflitto mondiale, la tratta Fermignano-Pergola della linea Urbino-Fabriano venne seriamente danneggiata dall'esercito tedesco in ritirata; da quell'anno la tratta non fu più riattivata lasciandola in completo abbandono. Al termine del conflitto, solo tre sezioni vennero riattivate: la Pergola-Fabriano il 20 maggio 1947, la Fano-Fermignano il 2 ottobre 1955 e la Urbino-Fermignano il 2 febbraio 1956[1].

Nel 1976 venne costruito un nuovo fabbricato viaggiatori[1].

La stazione venne infine dismessa con la chiusura della ferrovia Fano-Urbino, avvenuta il 31 gennaio 1987.

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è composta da un fabbricato viaggiatori, da due binari e una serie di tronchini a nord della stazione ormai smantellati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Claudio Cerioli, Da Camerino al mondo, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Cerioli, Ferrovia Fabriano-Pergola-Urbino Ferrovia Subappennina, in Da Camerino al mondo, ETR, Salò (BS), 1985, pp. 65-71. ISBN 88-85068-20-0
  • Claudio Cerioli, Ferrovia Fano-Fossombrone-Fermignano, in Da Camerino al mondo, ETR, Salò (BS), 1985, pp. 72-75. ISBN 88-85068-20-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]