Stazione di Iseo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iseo
stazione ferroviaria
Iseo staz ferr lato strada.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàIseo
Coordinate45°39′23.04″N 10°03′01.08″E / 45.6564°N 10.0503°E45.6564; 10.0503
LineeBrescia-Iseo-Edolo
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1907
Binari4

La stazione di Iseo è lo scalo della linea Brescia-Edolo, posizionata nell'omonimo comune, in riva al Sebino.

È gestita da Ferrovienord, ed è ubicata a pochi passi dal centro storico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione entrò in funzione nel 1907, quando fu aperto all'esercizio il tronco ferroviario da Iseo a Pisogne[1]. Sostituì la vecchia stazione di Iseo, risalente al 1885, la quale, a causa della sua struttura di testa (per il traffico ferroviario in transito dalla precedente stazione di Provaglio-Timoline), era inadatta a poter essere impiegata da una linea ferroviaria che proseguisse verso la Val Camonica[2].

Dal 1911 Iseo fu collegata a Brescia attraverso due diversi itinerari (l'originario, via Monterotondo, chiuso nel 1941, e quello più favorevole passante per Bornato).

Dal 1932 al 1956 Iseo fu anche capolinea della linea per Cremona, che confluiva nella Brescia-Iseo a Bornato.

Strutture ed impianti[modifica | modifica wikitesto]

Il fabbricato viaggiatori, completato e aperto solo nel 1912, è quello tipico delle stazioni di prima classe SNFT.

Il piazzale è dotato di tre binari atti al servizio passeggeri, serviti da due marciapiedi collegati tra loro da una passerella a raso. Un quarto binario è dedicato al servizio merci e alla sosta del materiale rotabile.

Il magazzino merci, ristrutturato, è utilizzato per la logistica della manutenzione della linea. A poche centinaia di metri dalla stazione, in direzione Rovato, si trova il deposito e l'officina del materiale rotabile della linea.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria Biglietteria
  • Attesa Sala d'attesa

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Iseo è servita dalle seguenti relazioni, esercite da Trenord con cadenza bioraria[3]:

  • regionali Iseo-Brescia;
  • regionali Breno-Brescia;
  • regionale Edolo-Brescia, che si espleta con una solo coppia di corse;
  • regioexpress Brescia-Edolo;
  • regionali Iseo-Rovato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mauro Pennacchio. La meccanica viabilità. p. 156.
  2. ^ Zani, Pezzotti, Vitali. Iseo - Storia, Urbanistica, Arte. p. 129.
  3. ^ Trenord, quadro orario 187. Orari della Brescia-Iseo-Edolo (PDF), su trenord.it. URL consultato il 16 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Burlotti. Stazioni e fermate della linea ferroviaria Brescia/Iseo/Edolo, in Mauro Pennacchio. La meccanica viabilità - La ferrovia nella storia del lago d'Iseo e della Vallecamonica. Marone, Fdp Editore, 2006. ISBN 889027140X
  • Attilio Alfredo Zani; Giovanni Pezzotti; Giuseppe Vitali. Iseo - storia, urbanistica, arte. Provaglio d'Iseo, La Cartotecnica, 1980. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]