Stazione di Civitanova Marche-Montegranaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Civitanova Marche-Montegranaro
già Civitanova Marche
già Porto Civitanova

stazione ferroviaria
Stazione di Civitanova Marche.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàPorto Civitanova
Coordinate43°18′33.12″N 13°43′33.6″E / 43.3092°N 13.726°E43.3092; 13.726Coordinate: 43°18′33.12″N 13°43′33.6″E / 43.3092°N 13.726°E43.3092; 13.726
LineeAdriatica
Civitanova Marche–Fabriano
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante, di diramazione
Stato attualein uso
 
Mappa di localizzazione: Marche
Civitanova Marche-Montegranaro
Civitanova Marche-Montegranaro

La stazione di Civitanova Marche-Montegranaro è una stazione ferroviaria posta sulla ferrovia Adriatica, e punto di diramazione della linea per Fabriano.

Posta nel centro abitato di Porto Civitanova, la stazione serve i comuni di Civitanova Marche e Montegranaro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione, in origine denominata "Porto Civitanova", fu aperta nel 1863 al completamento del tronco AnconaPescara della ferrovia Adriatica.[senza fonte]

Nel 1884, con l'apertura del primo tratto della linea per Fabriano, divenne stazione di diramazione.

Nel 1939 assunse la nuova denominazione di "Civitanova Marche"[1], e nel 1949 "Civitanova Marche-Montegranaro"[2].

Fra il 1911 e il 1955, in prossimità della stazione era presente il capolinea della tranvia elettrica di Civitanova, un breve impianto tranviario di collegamento fra la città di Civitanova Alta e la località Porto Civitanova. La linea intersecava a raso la ferrovia adriatica con un passaggio a livello che sorgeva nell'allora via della Posta, in corrispondenza del sottopasso oggi posto presso la radice sud della stazione.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è classificata da RFI nella categoria silver.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 10, 1939
  2. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 47, 1949
  3. ^ La rete oggi nelle Marche, su www.rfi.it. URL consultato l'8 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]