Staffoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Staffoli
frazione
Staffoli – Veduta
La chiesa di San Michele Arcangelo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Comune Santa Croce sull'Arno-Stemma.png Santa Croce sull'Arno
Territorio
Coordinate 43°45′14″N 10°42′08″E / 43.753889°N 10.702222°E43.753889; 10.702222 (Staffoli)Coordinate: 43°45′14″N 10°42′08″E / 43.753889°N 10.702222°E43.753889; 10.702222 (Staffoli)
Altitudine 28 m s.l.m.
Abitanti 1 486 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale 56029
Prefisso 0571
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti staffolese, staffolesi[1]
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Staffoli
Staffoli

Staffoli è una frazione del comune italiano di Santa Croce sull'Arno, nella provincia di Pisa, in Toscana.

Circondata da campi coltivati e boschi, si estende per circa 4 kilometri quadrati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu conosciuto anticamente come Castrum Staffili. La prima notizia del piccolo borgo delle Cerbaie, in prossimità della Via Francigena, si ha in una carta della Comunità di Fucecchio del 17 aprile 1198[2]. La chiesa di San Michele Arcangelo, centro del paese, venne costruita nel 1629 sulle rovine di una precedente chiesa in stile romanico, distrutta all' inizio del XVI secolo da un incendio.

A Staffoli, nel 1790 venne edificata Villa Maiorfi. Nei primi anni dell' Ottocento, durante l' esilio di Napoleone sull' isola d' Elba, la villa fu abitata da un ufficiale dell' esercito imperiale francese di nome Facdouelle[3]. Di questo ufficiale si ravvisa un possibile discendente nella lapide commemorativa adiacente alla chiesa di San Michele, fra i nomi dei caduti staffolesi del primo conflitto mondiale. All' abitazione venne affiancato anche un chiesino in stile neogotico, ornato da due piccoli pinnacoli; dagli anni Cinquanta è adibito ad uso profano. Non è al momento possibile verificare lo stato di conservazione dell' edificio ne visitarlo.

Tra il 1944 e il 1945 nella tenuta di Montefalcone nei pressi di Staffoli, fu stabilito un campo base dalla Força Expedicionária Brasileira (FEB), la forza militare brasiliana che ha combattuto in Italia a fianco degli Alleati. I soldati brasiliani costruirono una piccola marginetta, su ispirazione della Grotta di Lourdes, per ricordare i loro caduti e come luogo di preghiera e meditazione.[4][5]

In una piccola nicchia laterale della marginetta era posta una statuetta della Madonna Nera in cartapesta, andata distrutta, di cui si conserva una foto nell'archivio locale Barontini. Sulla pavimentazione inoltre era presente una lapide su cui, in lingua Portoghese ed Italiana, i soldati brasiliani ricordavano l'evento bellico: "Il II battaglione del deposito della Forza Spedizionaria Brasiliana, che in questo luogo è stato accampato nella Grande Guerra mondiale, lascia qui questo sacro ricordo ispirato dalle tradizioni cattoliche del popolo brasiliano e solennemente inaugurato l'11 marzo 1945[6]", Attualmente la lapide è conservata da privati.

Il gemellaggio del 2016 con il comune francese di Salindres ha rinsaldato il profondo legame fra le due cittadine. Durante gli anni venti del Novecento molti staffolesi emigrarono proprio a Salindres in cerca di lavoro e di migliori condizioni di vita.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Staffoli è molto noto a livello regionale per la tradizionale "Sagra della pappardella alla lepre", che fra la fine di giugno e luglio, richiama migliaia di persone.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2016 Staffoli è gemellata con la cittadina francese di Salindres[7].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è G.S. Staffoli A.S.D. che milita nel girone A toscano di Promozione. È nato nel 1975.

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Staffoli è ogni anno attraversato dalla corsa ciclistica nazionale per Elite/Under 23 "GP del cuoio e delle pelli".

Nel 2009, per la prima volta in assoluto, ospita il passaggio della "Tirreno-Adriatico", corsa professionistica a tappe. Nell'occasione la tappa terminava a Santa Croce sull'Arno con la vittoria di Tyler Farrar. Sempre nel 2009 ospita il passaggio della 13ª tappa del Giro d'Italia, con arrivo a Firenze e vittoria dell'inglese Mark Cavendish.

Dal 2011 ospita la partenza e l'arrivo del Giro delle Cerbaie, manifestazione cicloturistica creata per promuovere il territorio ancora poco conosciuto delle Cerbaie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 554.
  2. ^ E. Repetti Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana
  3. ^ Marisa Bartolesi - Lisandro Chiari - Andrea Orsini - savino Ruglioni, Sacra, Rotary Club Fucecchio - Santa roce sull' Arnoª ed..
  4. ^ Ministro brasiliano a Staffoli - Cronaca - il Tirreno, su il Tirreno. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  5. ^ Tutti in marcia verso la Marginetta dei brasiliani - La Nazione - Pontedera, su www.lanazione.it. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  6. ^ Marisa Bartolesi - Lisandro Chiari - Andra Orsini - Savino Ruglioni, Sacra, Rotary Club Fucecchio - Santa Croce sull'Arno.
  7. ^ Staffoli e Salindres, sancito il gemellaggio, in http://www.ilcuoioindiretta.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 3, tomo II, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 729–730.
Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana