Sonata per pianoforte n. 3 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sonata per pianoforte n. 3
CompositoreWolfgang Amadeus Mozart
Tonalitàsi bemolle maggiore
Tipo di composizioneSonata
Numero d'operaKv 281
Epoca di composizione1774
PubblicazioneBreitkopf & Härtel, Lipsia, 1799
Durata media14 minuti
Organicopianoforte

La sonata per pianoforte n. 3 in si bemolle maggiore, K. 281, fu scritta da Wolfgang Amadeus Mozart alla fine del 1774 e appartiene ad un ciclo di sei sonate per pianoforte (dalla K. 279 alla K. 284).

Il 2 novembre 1777 il compositore la esegue nella casa di Christian Cannabich a Mannheim.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Composta secondo i canoni dello stile galante, viene menzionata da Mozart in una lettera a suo padre datata 13 novembre 1777: Mozart racconta di avere eseguito al clavicordo questa sonata (assieme alla più tarda Sonata in re maggiore, K. 284) a Mannheim, alla corte del principe Ernst von Oettingen-Wallerstein, alla presenza del suo Kapellmeister Ignaz Beecke[1].

Il primo movimento, Allegro, in forma sonata, presenta un tema principale di carattere lirico, che viene sviluppato e riccamente variato quasi in guisa d'improvvisazione[2].

Il secondo movimento, Andante amoroso, offre nelle prime due battute un contrasto dinamico fin'allora inusitato per Mozart, con un repentino passaggio da forte a piano[1]. L'intero movimento richiede un'esecuzione aggraziata ma non incline al sentimentalismo[2].

Il movimento finale, Rondò: Allegro, è basato su un tema principale di gavotta che viene esposto cinque volte, intervallato da varie altre melodie[1]. Tutto il movimento è in stile francese e contiene inattesi passaggi in modo minore di carattere drammatico[2]. Da alcuni viene considerato come il finale compositivamente più avanzato all'interno di questo primo gruppo di sonate mozartiane[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Jean K. Wolf, Note di copertina all'edizione discografica: Glenn Gould, The Mozart Piano Sonatas, Vol. 1, LP Columbia MS 7097 (1968).
  2. ^ a b c Note di copertina all'edizione discografica: Mozart, Piano Sonatas - complete, Maria João Pires, 5 CD Brilliant Classics 92733.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maynard Solomon, Mozart, trad. di Andrea Buzzi, Mondadori, Milano 1999, ISBN 88-04-45404-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn78060857 · BNF (FRcb147864004 (data)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica