Sofron Dmyterko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sofron Dmyterko, O.S.B.M.
vescovo della Chiesa chiesa greco-cattolica ucraina
Incarichi ricopertiEparca di Ivano-Frankivs'k
 
Nato1º giugno 1917
Ordinato presbitero14 maggio 1942
Consacrato vescovo30 novembre 1968
Deceduto5 novembre 2008
 

Sofron Dmyterko (in ucraino: Софро́н Степа́н Дмите́рко?; Oblast' di Ternopil', 1º giugno 1917Ivano-Frankivs'k, 5 novembre 2008) è stato un vescovo cattolico ucraino, eparca di Ivano-Frankivs'k, vittima della persecuzione dei cristiani in URSS.

Nacque da una famiglia dove il padre è sacerdote di rito bizantino. Frequenta il seminario diocesano e nel 1932 entra nel noviziato dei Monaci basiliani. Durante la Seconda guerra mondiale i monaci sono dispersi assieme ai novizi in vari monasteri finché dal 1940 Sofronij si trova a Praga dove può completare gli studi all'Università Carolina. Dopo l'ordinazione sacerdotale viene arrestato, assieme a tutti i confratelli, dalla Gestapo e condannato ai lavori forzati nelle miniere della Moravia. Nel 1943, all'arrivo dell'Armata rossa tutti vengono liberati. Torna a Leopoli e viene mandato nella città di Bučač come prefetto del ginnasio presso il monastero dei basiliani. Quando inizia l'aperta persecuzione contro la Chiesa greco-cattolica ucraina per evitare di essere arrestato Dmyterko passa alla vita clandestina della chiesa catacombale. Alla fine degli anni '60 il vescovo Ivan Slezjuk, ammalato, cerca una persona che potesse garantire il proseguimento del suo lavoro nella chiesa catacombale. L'ordinazione episcopale avviene in un appartamento privato della città di Ivano-Frankivs'k il 30 novembre 1968. Inaspettatamente nel 1973 viene arrestato e tenuto in prigione fino al marzo del 1974 quando viene trasferito nel lager n.38 nei pressi del villaggio Leninskoe Oblast' di Luhans'k. Viene liberato nel 1975. Nel periodo di clandestinità riesce ad ordinare al sacerdozio segretamente più di 65 seminaristi. Dal 1989 passa alla legalità alla direzione della diocesi. Nel 1997, all'età di 80 anni, chiede di poter lasciare ad una persona più giovane la direzione della diocesi. Papa Giovanni Paolo II esaudisce la sua richiesta e dal 7 novembre 1997 si ritira per lasciare il posto al vescovo Sofron Mudryi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100682717 · ISNI (EN0000 0000 7115 1309 · LCCN (ENn2009059799