Sistema di numerazione nella cultura dei campi di urne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
0
/ 1
// 2
/// 3
//// 4
\ 5
/\ 6
//\ 7
///\ 8
////\ 9
\\ 10
/\\ 11
//\\ 12
///\\ 13
////\\ 14
\\\ 15
/\\\ 16
//\\\ 17
///\\\ 18
////\\\ 19
\\\\ 20
/\\\\ 21
//\\\\ 22
///\\\\ 23
////\\\\ 24
\\\\\ 25
/\\\\\ 26
//\\\\\ 27
///\\\\\ 28
////\\\\\ 29

Durante la fase iniziale della cultura dei campi di urne, intorno al 1200 a.C. apparirono nell'Europa centrale alcune falci di bronzo con incisi dei segni interpretati come un sistema numerico.

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

Nel 1946 fu scoperto in Sassonia un deposito con più di 250 falci risalenti al 1500-1250 a.C. Questa scoperta è solo una parte di tutte quelle risalenti alla Cultura dei campi delle urne fatte vicino al fiume Saale, dove vennero ritrovati circa 600 falci ed altri oggetti. Le falci si pensa che siano state create nei depositi a scopo rituale.

L'attenzione degli scopritori cadde su una serie di segni posti in due posizioni: semplici segni vicino all'impugnatura e altri più complessi nell'angolo della lama o sulla base. Furono proprio i segni più semplici a essere interpretati come un sistema di numerazione.

Furono scoperti anche altri oggetti che riportano gli stessi segni, come per esempio il bollo di Ruthen (risalente all'età del Bronzo) e il vaso di Coswig (risalente al periodo tra il 1200 e il 1000 a.C.) che riportano il simbolo ////\\\\\. Nel caso del vaso di Coswig, sembra che il simbolo sia prodotto da una mano allenata che ha scritto una serie complessa di simboli sull'argilla ancora fresca.

Il sistema numerico[modifica | modifica sorgente]

Il sistema numerico è in base 5. La cifra delle unità è scritta con un segno dall'alto a destra verso il basso a sinistra «/» e la quinta cifra con una linea dal basso a destra all'alto a sinistra «\». Sono stati trovati solo i numeri che vanno dall'1 («/») al 29 («////\\\\\»).

Interpretazione[modifica | modifica sorgente]

Questi segni impressi, unici nell'Età del Bronzo, sono stati inseriti durante la creazione dell'oggetto e non incisi ad oggetto finito. I marchi sull'argilla molle sono stati fatti a volte a mano, altre volte con degli stampi. Le correzioni degli errori indicano un intento ed un progetto alle spalle della loro scrittura. Il sistema di scrittura sull'argilla molle è simile al sistema di scrittura cuneiforme che si può trovare in Mesopotamia.

Il fatto che non siano stati trovati numeri maggiori di 29, nonostante il sistema numerico sia potenzialmente infinito, si pensa sia dovuto al fatto che il ciclo lunare dura appunto 29 giorni e mezzo. Le culture che utilizzano il calendario lunare solitamente decidono di fissare il calendario in 29 o 30 giorni e correggono l'errore annuale in vari modi. Se questa interpretazione fosse giusta, ogni falce ed ogni simbolo rappresenterebbe un giorno del ciclo lunare.

La falce ha forma di mezzaluna e questo starebbe a sottolineare l'importanza che hanno le fasi lunari per la cultura dei campi di urne.

Con questo, il simbolo ritrovato sul bollo di Ruthen e sul vaso di Coswig (29, ////\\\\\) è da interpretare come il simbolo del ciclo lunare. Generalmente si pensa che la scrittura in codice metta in relazione il ciclo lunare con il ciclo dell'agricoltura, controllato dalla Luna e dal Sole.

Altri simboli[modifica | modifica sorgente]

Esiste un'altra serie di simboli che appare intorno alle falci e non è stata ancora interpretata. Tuttavia è chiaro che questi simboli seguono le regole valide per tutto il territorio circostante.

Alcuni di questi simboli possono essere messi in ordine da 1 a 4.

Urnenfelder 56.jpg 56 Urnenfelder 57.jpg 57 Urnenfelder 55.jpg 55 Urnenfelder 53.jpg 53 Urnenfelder 52.jpg 52 Urnenfelder 54.jpg 54 Urnenfelder 44.jpg 44 58
Urnenfelder 66.jpg 66 Urnenfelder 67.jpg 67 Urnenfelder 63.jpg 63 Urnenfelder 62.jpg 62 Urnenfelder 64.jpg 64 ●● 68
Urnenfelder 76.jpg 76 Urnenfelder 77.jpg 77 Urnenfelder 73.jpg 73 Urnenfelder 72.jpg 72 Urnenfelder 74.jpg 74 ●●● 78
Urnenfelder 86.jpg 86 Urnenfelder 87.jpg 87 Urnenfelder 85.jpg 85 Urnenfelder 82.jpg 82 Urnenfelder 84.jpg 84 ●●●● 88

Altri, invece, non possono essere messi in alcun ordine.

Urnenfelder 16.jpg 16 Urnenfelder 22.jpg 22 Urnenfelder 25.jpg 25 Urnenfelder 26.jpg 26 Urnenfelder 33.jpg 33 Urnenfelder 36.jpg 36 Urnenfelder 42.jpg 42 Urnenfelder 43.jpg 43 Urnenfelder 69.jpg 69

I numeri 22, 25, 33, 36, 43, 69 e i numeri 24, 52, 53, 54, 56, 62, 63, 64, 66, 73, 74, 84, 86 appaiono sulla base delle falci. I numeri 16, 26, 42 e i numeri 44, 52, 54, 55, 57, 58, 62, 64, 67, 68, 72, 74, 77, 78, 82, 84, 85, 87, 88 appaiono sull'angolo delle falci. I numeri 52, 54, 62, 64, 74, 84 appaiono in entrambi i posti.

L'ipotesi delle rune[modifica | modifica sorgente]

Questa scrittura è stata messa in relazione alle rune tedesche, non solo in senso geografico, ma anche per il carattere agricolo e lunare che le due culture possiedono. È stato affermato che le rune spesso appaiono associate ad altri simboli non runici, anche in combinazione con altri oggetti. Inoltre ᛃ j, ᛜ ng e anche ᚷ g non hanno legami con l'alfabeto etrusco da cui l'alfabeto runico probabilmente proviene. D'altra parte le lettere ᛃ j, ᛜ ng e ᚲ k si distinguono dal resto delle rune per la loro dimensione più piccola. Le rune sono anche caratterizzate dal possedere un nome oltre a rappresentare un suono.

Nell'ipotesi che il nome di alcune rune sia stato preso da simboli precedenti, i nomi di queste rune potrebbe dare una qualche indicazione del significato dei simboli. In questo modo, se il simbolo che ha più combinazioni con altri, quello che appare più frequentemente e il più caratteristico vengono selezionati, possiamo trarre le seguenti equivalenze:

Simbolo Runa Equivalenza Significato
Urnenfelder 22.jpg 22 jera anno
Urnenfelder 69.jpg 69 ingwaz dio
Urnenfelder 36.jpg 36 gebô presente

Questa è soltanto un'ipotesi interessante che forse non potrà mai essere confermata.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica