Sierologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sierologia è quella branca della medicina di laboratorio che studia in laboratorio le reazioni antigene-anticorpo. Il termine deriva dal termine siero, che è il fluido corporeo maggiormente usato per le indagini di biochimica medica.

Indagini di sierologia vengono effettuate in diversi settori (microbiologia, biochimica clinica, medicina trasfusionale) e hanno un ruolo importante, frequentemente necessario, nel diagnosticare correttamente un gran numero di malattie. I test di sierologia vengono eseguiti anche su matrici biologiche diverse dal siero: nel laboratorio di Medicina trasfusionale, per esempio, i globuli rossi di un paziente vengono analizzati con miscele di anticorpi noti (antisieri) mediante reazioni sierologiche per la determinazione del gruppo sanguigno.

[modifica | modifica wikitesto]

Lo specialista di tale ramo, medico o tecnico che procede alle operazioni, viene definito sierologo. Fra i suoi compiti, oltre a quello di effettuare test su varie matrici biologiche, vi è anche quello di immunizzare i pazienti contro le malattie infettive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina