Scagliola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la pianta, vedi Phalaris canariensis.
Giovan Marco Barzelli (attr.), paliotto con santa Marta, scagliola, 1660-90 ca., palazzo dei Pio, Carpi

La scagliola è un tipo di gesso fine usato in edilizia e in scultura. Con lo stesso termine si identifica anche la tecnica di intarsio che alla fine del cinquecento primi anni del Seicento nacque per "imitare" marmi e pietre dure con una mescolanza dello stesso gesso, unito con colle naturali e pigmenti colorati.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La scagliola ha avuto una particolare tradizione nella città di Carpi, dove fu inventata all'inizio del XVII secolo, secondo la tradizione, dal carpigiano Guido Fassi, e in Val d'Intelvi, tradizionale terra d'origine di specialisti dell'edilizia - architetti ma anche scalpellini decoratori e stuccatori, che nella buona stagione esercitavano la loro attività anche ben fuori dalla valle.

L'arte della scagliola visse momenti gloriosi a Carpi in Emilia nel Seicento con opere principalmente di arredo sacro, passando poi "lo scettro" a Firenze e al resto della Toscana nel Settecento con la realizzazione di piani di tavolo e quadri per l'arredo domestico, diffondendosi poi nel resto d'Italia e d'Europa. Con la scuola fiorentina, su tutti Enrico Hugford (Firenze 1695-1771) la tecnica si modifica e si affina, traendo ispirazione più dalla pittura, ma mantenendo la prerogativa dell'intarsio caratteristica di quest'artigianato che diventa arte. Impossibile poi dimenticarci anche della produzione lombarda e campana soprattutto attive nel XVIII secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., I paliotti e l'arte della scagliola in Ticino, Monn, Bellinzona 2006.
  • AA. VV., La Scagliola carpigiana e l'illusione barocca, Modena, Artioli Editore / Cassa di Risparmio di Carpi, 1990.
  • Alfredo Zecchini, Arte della scagliola sul Lario: l'intarsio e il finto marmo raccontato dagli ultimi artigiani della Valle d'Intelvi, Hoepli 1992
  • Anna Maria Massinelli, Scagliola, L'Arte della Pietra Di Luna, Roma, Editalia, 1997.
  • Alchimie di Colori. La collezione Bianco Bianchi di antiche scagliole, catalogo della mostra curata da Silvia Botticelli e Modestino Romagnolo, testi di Silvia Botticelli, Edizioni Polistampa / Ente Cassa di Risparmio di Firenze e Associazione OMA, Firenze 2012
  • Floriana Spalla,I percorsi della scagliola intelvese, simboli e devozioni tra fiori e colori marmorei. Cerano Intelvi, 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 5281 · LCCN (ENsh98002457 · GND (DE4183820-8