Santuario della Madonna della Ceriola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santuario della Madonna della Ceriola
Santuario della Madonna della Ceriola.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMonte Isola (BS)
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMadonna della Ceriola (o della Candelora[1])
Diocesi Brescia
Inizio costruzioneXIII secolo[2]
Completamento1750
Sito web Santuario della Madonna della Ceriola, su visitmonteisola.it.

Coordinate: 45°42′12.2″N 10°05′21.59″E / 45.70339°N 10.08933°E45.70339; 10.08933

Il santuario della Madonna della Ceriola è un edificio di culto cattolico situato nel comune di Monte Isola, in provincia di Brescia.

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Il santuario si trova a quota 600 m s.l.m. nel punto più elevato dell'isola, dal quale si gode di un ampio panorama sul lago di Iseo e sulle montagne che lo circondano[3]. La frazione più vicina al santuario è Cure.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La statua lignea della Madonna

La prima chiesa venne costruita, presumibilmente sulle rovine di un tempio pagano[4], nel XIII secolo[2]. L'attuale edificio risale al Cinquecento, ma il suo interno venne modificato nel secolo successivo con l'inserimento di un nuovo presbiterio. Il campanile invece fu costruito nel 1750.

Affreschi della volta

Il santuario fu la prima chiesa dedicata alla Madonna ad essere costruita nella zona del lago di Iseo. La statua lignea venerata nel santuario risale al XII secolo ed è nota con il nome di Madonna della Ceriola probabilmente perché l'essenza legnosa utilizzata è il cerro. Rappresenta la Vergine in trono con in braccio il Bambino.[4]

All'interno del santuario, oltre ad alcuni affreschi e dipinti e a due pregevoli sculture che fiancheggiano la statua della vergine, sono ospitati anche numerosi ex-voto che ricordano le grazie attribuite alla Madonna. Tra queste una di quelle che ebbero maggiore risonanza fu la protezione accordata agli abitanti dell'isola contro una epidemia di colera scoppiata in Lombardia nel 1836: in segno di ringraziamento viene tuttora celebrata, ogni seconda domenica di luglio, la festa detta della Madonna del Colera.

Nel 1924 avvenne una solenne incoronazione della statua; la corona d'oro era stata fabbricata grazie alla fusione di gioielli donati dagli abitanti di Monte Isola.[1]

Accesso al santuario[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli ex-voto

Il santuario è servito da una mulattiera acciottolata che la collega alla frazione Cure (466 m s.l.m.)[2]. È anche possibile salire a piedi, con un percorso più lungo, per un sentiero che parte nei pressi dell'imbarcadero di Peschiera Maraglio.[5] Lungo il percorso che porta al santuario sono presenti 15 cappelle che celebrano i misteri del rosario, realizzate nella seconda metà del Novecento.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Santuario della Madonna della Ceriola, su invallecamonica.it. URL consultato il 16 settembre 2016.
  2. ^ a b c AA.VV., Lombardia: (esclusa Milano), Touring Editore, 1999, p. 634.
  3. ^ Madonna della Ceriola: panorama e suggestioni, Brescia Oggi. URL consultato il 16 settembre 2016.
  4. ^ a b Santuario della Madonna della Ceriola, su iseolake.info. URL consultato il 16 settembre 2016.
  5. ^ Madonna della Ceriola – Itinerario, su tuttomonteisola.it. URL consultato il 16 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]