Samuel Marolla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Samuel Marolla (Milano, 1975) è uno scrittore e fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nel 1975 a Milano, città dove vive e in cui ambienta spesso le sue storie.

Dopo aver conseguito il diploma di sceneggiatura presso la Scuola del Fumetto di Milano, nel 2008 inizia la sua collaborazione con la Sergio Bonelli Editore, per la quale sceneggia albi delle serie Dampyr, Zagor e Le storie.

Nello stesso anno inizia a pubblicare anche narrativa, alternando le uscite con editori sia italiani che internazionali all’autopubblicazione.

Nel 2009 pubblica per Mondadori (collana Epix, a cura di Sergio Altieri) la sua prima antologia di racconti horror, Malarazza[1], caratterizzata da un’ambientazione esclusivamente italiana. La raccolta ottiene un ottimo successo commerciale e di critica (è tuttora esaurita e introvabile), e lo consacra come uno dei più rappresentativi scrittori horror italiani.

Nel 2011 il suo racconto Fobia viene pubblicato nell'antologia Onryo, Avatar di Morte (Mondadori – Urania)[2], selezione di alcuni fra i migliori autori del fantastico giapponese e italiano, curata da Danilo Arona e Massimo Soumaré.

Nel 2013 è il primo italiano a partecipare al Premio Bram Stoker, uno dei più importanti premi internazionali di letteratura horror, arrivando ai Preliminary Ballot con il racconto Black Tea[3]. Nello stesso anno è anche il primo scrittore italiano a ricevere una Honorable Mention nel Best Horror of the Year a cura di Ellen Datlow sempre con Black Tea[4].

Nel 2015 il suo racconto Black Tea viene pubblicato dalla casa editrice statunitense Apex nel Book of World, la raccolta annuale dei migliori racconti di speculative fiction mondiale, a cura di Lavie Tidhar e Mahvesh Murad[5]. A luglio dello stesso anno diventa responsabile editoriale di Acheron Books, casa editrice specializzata in narrativa fantastica italiana, pubblicata sia in italiano che in inglese.

Nel 2016 la Gramel ha pubblicato in lingua inglese l'ambientazione Imago Mortis per il gioco di ruolo statunitense Savage Worlds, basata sull'omonimo romanzo dello scrittore[6].

Nel 2017 ha scritto la sceneggiatura per il film Sacrifice[7] prodotto da Domiziano Cristopharo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Giochi di Ruolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Imago Mortis (Gramel, 2016, Samuel Marolla (universo narrativo), Mauro Longo testi,)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]