Samogizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Samogizia
(LT) Žemaitija
Samogizia – Stemma Samogizia – Bandiera
Tveru seniunija, 2007-06-12.jpg
Panorama tipico nella regione, pressi di Tverai
Stati Lituania Lituania
Capoluogo Telšiai (storico)
Superficie 21 000 km²
Abitanti 500 000
Lingue lituano, samogitico
Nome abitanti samogiti
Liet-etno-regionai.png
Regioni storiche della Lituania: la Samogizia è in verde chiaro

La Samogizia (in samogitico: Žemaitėjė, in lituano Žemaitija; in latino: Samogitia; in polacco Żmudź; in russo: Жемайтия?, traslitterato: Jemaytiya), letteralmente le terre basse è una regione storica ed etnografica della Lituania, situata nel nord-ovest del Paese tra il corso inferiore del fiume Nemunas e quello superiore dei fiumi Dubysa e Venta.[1] La Samogizia vanta una lunga storia scritta e tradizioni culturali assai caratteristiche, oltre che una propria lingua, quella samogitica.

Sul territorio della regione si trova l'altopiano samogitico: il paesaggio si alterna con rilievi collinari morenici, boschi di pini e misti, prati, pascoli, piccoli laghi e fiumi.

La città più popolosa della regione etnografica è Šiauliai (oltre 130.000 abitanti), mentre la capitale storica è Telšiai (oltre 30.000).

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente si crede che il nome Samogizia ("Žemaitija") derivi dalla parola lituana žema, che significa "basso".[1] Secondo molti storici, tale termine era usata per indicare le terre meridionali del Nemunas rispetto al resto della Lituania. Allo stesso tempo, alcuni moderni ricercatori lituani interpretano il significato del nome Zhamoyt come bacino di pianura di Nyavyazhy.[2] Secondo un'altra ricostruzione, la parola "Zhamoyt" richiami e sia affine al lituano "žemė", che in lituano significa "terra".[3] La versione in latino della regione, ovvero Samogitia, potrebbe aver condizionato la versione arcaica scritta nelle lingue slave orientali della Samogizia (si pensi al bielorusso Самагіція, Samahitsija).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Paesaggio nei pressi di Lopaičiai (comune di Rietavas)

La regione si trova nella Lituania occidentale, nei territori della municipalità della città di Palanga, Rietavas, Tauragė, Šilalė, Skuodas, Jurbarkas, Mažeikiai, Kretinga, Plungė, Telšiai, Akmenė, Kelmė, Šiauliai, Raseiniai, parti orientali delle municipalità del distretto di Klaipėda e Šilutė, parti occidentali delle municipalità del distretto di Joniškis e Šiauliai. La città maggiore è Šiauliai, oppure Klaipėda se anche quest'ultima è considerata come facente parte della regione. Telšiai è la capitale attuale, mentre Medininkai (oggi Varniai) fu capitale una volta. Le città maggiori, con più di 20.000 abitanti, sono (il nome nella lingua della Samogizia, se diverso, è scritto dopo il nome in lituano):

Demografia e lingua[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione della Samogizia parla la lingua samogitica, un dialetto della lingua lituana che era nel passato considerato uno dei tre dialetti principali. I samogizi si dividono in coloro che parlano un dialetto settentrionale e uno meridionale, che sono poi ulteriormente suddivisi. Nel passato, nella regione di Klaipėda, esisteva anche un dialetto occidentale, ma si è estinto dopo la seconda guerra mondiale dopo che gli abitanti lasciarono la regione, essendo stati espulsi o perseguitati dalle autorità sovietiche. Dal XV/XVI secolo i samogizi della regione di Klaipėda si chiamarono "Lietuvininkai", e dalla fine del XIX secolo si definirono invece "Prūsai"; dopo la seconda guerra mondiale il territorio del subdialetto occidentale fu abitato principalmente da samogizi del nord e del sud, e anche da altri lituani.

La Samogizia è una delle regioni più etnicamente omogenee della nazione, con una popolazione etnica lituana che supera il 99,5% in alcuni distretti; nella prima parte del XIX secolo la regione fu il centro principale della cultura lituana (i samogizi tendevano tradizionalmente ad opporsi ad ogni restrizione anti-lituana). La religione prevalente è quella cattolica, anche se vi sono significative minoranze luterane nel sud.

L'uso del dialetto samogitico sta diminuendo, poiché molte persone tendono ad utilizzare il lituano standard; specialmente in alcuni consigli locali, però, e specialmente a Telšiai, vi è l'uso di scrivere alcune informazioni sui cartelli stradali anche in samogitico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca antica[modifica | modifica wikitesto]

I samogizi sono mostrati come gruppo etnico dei lituani nel contesto delle altre tribù baltiche

La popolazione samogizia ha praticato in passato il culto del Paganesimo.

La popolazione della Samogizia aveva in antichità una propria religione, ma l'etnogenesi degli antichi samogiti resta controversa per gli studiosi.

La Samogizia viene menzionata per la prima volta indirettamente in una fonte slava nel 1219, nell'ambito di un trattato dei principi della Galizia-Volinia e quelli lituani: tra i principi samogiti figuravano Erdvilas e Vykintas.[4] Da allora, il termine Samogizia è comparso regolarmente (talvolta al fianco di quello "Lituania") nella Cronaca di Galizia e Volinia sia prima della costituzione del Granducato di Lituania che in seguito. Nelle Cronache di Enrico di Livonia, un sacerdote tedesco che narra gli accadimenti nell'odierna Lettonia avvenuti all'inizio del XIII secolo, le terre della Samogizia adiacenti ai possedimenti dell'ordine di Livonia sono chiamate semplicemente "Lituania". Lo storico Saulius Suziedelis riferisce che al tempo la Samogizia costituiva una sorta di principato separato.[5]

Dopo la conquista di gran parte della Livonia, i cavalieri portaspada rivolsero la propria attenzione ad altri territori abitati dai pagani baltici. Nel 1236, ebbe luogo una prima grande spedizione in Samogizia, la quale sarebbe da allora divenuta una terra contesa per secoli.[6] La battaglia di Šiauliai, avvenuta in data 22 settembre 1236, l'esercito dei cavalieri portaspada e dei suoi alleati da un lato e l'esercito di samogiti e semigalli dall'altro si concluse con la sconfitta del primo. Ridotti numericamente ai minimi termini, i sopravvissuti dei cavalieri portaspada confluirono nel 1237 nell'ordine teutonico, attivo in Prussia.[6] La nuova branca prese il nome di ordine di Livonia su autorizzazione del papa e rimase attiva nei territori posseduti nella regione compresa nell'odierna Lettonia. Poiché la Samogizia frapponeva i territori posseduti dai teutonici da quelli amministrati dai livoniani si intuisce come questa regione divenne particolarmente ambita.[6]

Il territorio che in seguito sarebbe stato identificato dai tedeschi come Samogizia non includeva, almeno per alcuni secoli, la costa baltica, poiché le popolazioni autoctone si concentravano lungo il corso superiore del fiume Venta e risiedevano fino ai confini geografici della Semigallia.[7]

Epoca moderna[modifica | modifica wikitesto]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

La Samogizia era una regione autonoma del Granducato di Lituania, perse il suo status una volta che la Lituania fu occupata dalla Russia imperiale. La regione fu incorporata nella guberniya di Kaunas, e solo una sua piccola parte fu aggiunta a quella di Curlandia. Da allora la regione non ha uno status politico separato, anche se ci sono stati alcuni progetti per riformare amministrativamente la Lituania per farla tornare alle regioni etnocentriche tradizionali.

La Samogizia è rappresentata dalla società culturale samogizia, un gruppo interessato nella preservazione della cultura e della lingua della regione, oltre che dal Žemaitijos parlamentas (letteralmente "Parlamento della Samogizia"), che si preoccupa dell'autonomia regionale basata sul corso storico degli eventi; ciò include spesso la regione di Klaipėda nel periodo bellico, pertanto la capitale è talvolta considerata Klaipėda anziché Telšiai. Lo stesso gruppo, guidato da Justinas Burba ha anche pubblicato il controverso giornale Žemaitijos parlamentas, che ha posto l'idea che l'Unione europea dovrebbe ripagare la Samogizia per la sua difesa dell'Europa contro i mongoli.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

La Samogizia era famosa per la lavorazione del legno. Le statuette di santi realizzate dagli artisti locali venivano impiegate per abbellire chiese, cappelle esterne e croci. Gli scultori erano chiamati dievdirbiai, letteralmente creatori divini.[8]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma storico della Samogizia

Lo stemma ritrae un orso nero con artigli e collare d'argento e su sfondo rosso sormontato da una corona.

Bandiera storica della Samogizia

La bandiera della Samogizia ritrae invece lo stemma su sfondo bianco. È una bandiera non rettangolare, che finisce con due triangoli, anziché la bandiera rettangolare utilizzata tipicamente. Le altre uniche bandiere triangolari non ufficiali sono quelle del Nepal e dell'Ohio, USA.

Si crede che entrambi i simboli siano in uso da secoli, specialmente lo stemma (anche se esistono differenti teorie che ne attribuirebbero l'origine dal XIV o dal XVI secolo). I simboli furono anche utilizzati dal Ducato di Samogizia, e rappresentano i più antichi simboli delle regioni etnografiche della Lituania.

Dato che la Samogizia non corrisponde a nessuna delle attuali suddivisioni amministrative della Lituania, questi simboli non sono utilizzati ufficialmente. Potrebbero comunque tornare in uso se la Lituania approvasse la riforma amministrativa.

Il 21 luglio 1994 questi simboli vennero riconosciuti dal governo della Repubblica lituana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bojtár (1999), p. 132.
  2. ^ (EN) Nelly Bekus, Struggle Over Identity, Central European University Press, 2010, p. 192, ISBN 978-96-39-77668-5.
  3. ^ (EN) Viktoras Lukoševičius, Cartographic image of Samogitia in the old maps of Lithuania, Poland and other neighboring countries (1231–1700), in Geodesy and Cartography, vol. 40, n. 1, marzo 2014, pp. 27-50, DOI:10.3846/20296991.2014.890317.
  4. ^ Kiaupa (2002), p. 32.
  5. ^ Suziedelis (2011), p. 263.
  6. ^ a b c Kiaupa (2002), p. 36.
  7. ^ Samalavičius (1995), p. 37.
  8. ^ (EN) Carl Waldman; Catherine Mason, Encyclopedia of European Peoples, Infobase Publishing, 2006, ISBN 978-14-38-12918-1, p. 690.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235955708 · GND (DE4118314-9