Saint-Maximin-la-Sainte-Baume

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Saint-Maximin-la-Sainte-Baume
comune
Saint-Maximin-la-Sainte-Baume – Stemma
Saint-Maximin-la-Sainte-Baume – Veduta
Il municipio e la basilica di Santa Maria Maddalena
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneBlason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
DipartimentoBlason département fr Var.svg Varo
ArrondissementBrignoles
CantoneSaint-Maximin-la-Sainte-Baume
Territorio
Coordinate43°27′N 5°52′E / 43.45°N 5.866667°E43.45; 5.866667 (Saint-Maximin-la-Sainte-Baume)
Altitudine264-773 m s.l.m.
Superficie63,96 km²
Abitanti14 617[1] (2009)
Densità228,53 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale83470
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE83116
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Saint-Maximin-la-Sainte-Baume
Saint-Maximin-la-Sainte-Baume
Sito istituzionale

Saint-Maximin-la-Sainte-Baume è un comune francese di 14 617 abitanti situato nel dipartimento del Varo della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Prende il nome da san Massimino, vescovo di Aix. Nel suo territorio vi sono le sorgenti del fiume Arc.

Leggenda aurea[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda aurea, Lazzaro, Maria Salome, Marta di Betania, Maria Jacobé e Maria Maddalena, sarebbero arrivate in questi luoghi assieme alla serva Sara la Nera, dopo aver vagato in mare su una barca priva di remi. Dapprima giunsero nel territorio la Couronne, dove dopo lungo peregrinare trovarono finalmente un pozzo di acqua potabile: per tal motivo il luogo d'approdo è chiamato ancora oggi Santo Terro ("santa terra"), dove vi sono: una cappella dedicata alla Santa Croce, la chiesetta della Sainte-Croix, il famoso pozzo e quella che la tradizione indica come l'impronta di un piede di Lazzaro. Due volte l'anno vi è una processione alla cappella. Da qui, imbarcata l'acqua potabile necessaria, i santi personaggi avrebbero proseguito per la Camargue, per approdare a Saintes-Maries-de-la-Mer.

Nella chiesa gotica di Saint-Maximin-la-Sainte-Baume (1295) è conservato quello che si dice sia il teschio di Santa Maria Maddalena. "Sainte Baume" in antico provenzale significa "santa grotta". Tale grotta si trova a Plan-d'Aups-Sainte-Baume, sotto la cima più alta del massiccio montagnoso, c'è una grotta dove la tradizione vuole che sia morta la Santa, oggi sede di una chiesa, che accoglie una fonte di acqua, e un convento domenicano. In tale chiesa è presente una reliquia della Maddalena.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Basilica di Santa Maria Maddalena Il più grande edificio gotico della Provenza, la Basilica è uno dei luoghi di pellegrinaggio della religione cattolica. La celebrazione di Maria Maddalena patrona della città ricorre il 22 luglio. Oltre alla processione con le reliquie della santa nella città hanno luogo concerti, danze popolari ed eventi gastronomici.[2]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La principale via d'accesso a Saint-Maximin-la-Sainte-Baume è l'autostrada A8 che unisce Aix-en-Provence con la frontiera italiana.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ Florian Simeoni, Saint Maximin. Patrimonio e pellegrinaggio, Nice-Matin, Vendredì 22 juillet 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140801782 · LCCN (ENn85207864 · GND (DE4232971-1 · BNF (FRcb152779433 (data) · J9U (ENHE987007559893405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n85207864
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia