Sadiq Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sadiq Khan
Sadiq Khan 2020.png

Sindaco di Londra
In carica
Inizio mandato9 maggio 2016
PredecessoreBoris Johnson

Parlamentare del Regno Unito
Durata mandato5 maggio 2005 –
9 maggio 2016
PredecessoreTom Cox
SuccessoreRosena Allin-Khan
CollegioTooting

Dati generali
Prefisso onorificoThe Right Honourable
Partito politicoLaburista
UniversitàLondon Metropolitan University

Sadiq Aman Khan (Londra, 8 ottobre 1970) è un politico britannico di origini pakistane, sindaco di Londra dal 9 maggio 2016.

Come membro del partito Laburista, il 6 maggio 2016 ha vinto le elezioni amministrative per diventare sindaco della capitale inglese contro il conservatore Zac Goldsmith. Ideologicamente si colloca nell'ala social-democratica del partito[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Khan è figlio di due immigrati pakistani. È nato a Tooting, nel sud di Londra, quinto di otto figli[2]. Ha vissuto la sua giovinezza in una casa popolare con tre stanze. Il padre lavorava come autista di autobus, la madre come sarta. Grazie ai risparmi dei genitori e con i soldi guadagnati da alcuni lavori, Khan riuscì a pagarsi la facoltà di giurisprudenza, fino a laurearsi in legge[3] presso la University of North London[4] permettendogli poi di aprire un suo studio legale[1].

Dopo essere diventato avvocato difensore dei diritti umani, è entrato alla camera dei Comuni nel 2005, eletto nel collegio di Tooting.[5] Nella sua carriera legale, si è specializzato in azioni contro la polizia, diritto del lavoro ed in materia di discriminazione, recensioni giudiziarie, inchieste e criminalità.[6] Dopo le dimissioni di Gordon Brown come capo del partito Laburista, Khan ha gestito la campagna di Ed Miliband[7].

Nel mese di ottobre 2010, è stato eletto nel governo ombra ed Ed Milliband lo ha nominato segretario di Stato prospettico per il ministero della Giustizia.[8] Nel 2013 vota a favore del matrimonio egualitario per le coppie dello stesso sesso ricevendo per questo diverse minacce di morte[9].

L'11 settembre 2015 ha vinto le primarie del partito Laburista nella corsa alla carica di sindaco di Londra.[10] Il 6 maggio 2016 è stato eletto sindaco, il terzo da quando è stato istituito questo ruolo nonché il primo musulmano nella storia della capitale inglese[11][12][13]. Risulta anche il primo sindaco musulmano di una capitale europea[1].

Nel maggio 2021, Khan è stato rieletto per un secondo mandato, superando al ballottaggio il candidato dei Conservatori Shaun Bailey.[14]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 si sposa con Saadiya Ahmed, anch'ella avvocato. Da lei ha avuto due figlie, Anisah e Ammarah, nate rispettivamente nel 1999 e nel 2001[15]. Si dichiara musulmano praticante[1][9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Chi è Sadiq Khan, il nuovo sindaco di Londra, su Il Post, 7 maggio 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  2. ^ Sadiq Khan, 5 cose che non sapetedel nuovo sindaco di Londra, in Corriere della Sera. URL consultato il 13 luglio 2017.
  3. ^ Sadiq Khan: "Io, musulmano e vero europeo, sarò sindaco a Londra", in Repubblica.it, 23 febbraio 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  4. ^ Sadiq Khan, 5 cose che non sapetedel nuovo sindaco di Londra, in Corriere della Sera. URL consultato il 13 luglio 2017.
  5. ^ Sadiq Aman Khan, da figlio di una coppia d'immigrati pachistani a primo cittadino della City, in rainews. URL consultato il 14 luglio 2017.
  6. ^ (EN) Sadiq is Tooting's new MP, su sadiqkhan.org.uk (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2005).
  7. ^ Sadiq Khan: The man behind Ed Miliband's campaign, su BBC News. URL consultato il 13 luglio 2017.
  8. ^ Sadiq Khan Archiviato l'11 ottobre 2011 in Internet Archive., sito parliament.uk
  9. ^ a b Sadiq Khan, musulmano attento ai diritti gay ed ecologista favorevole al business. Ecco chi è il nuovo sindaco di Londra, su Il Fatto Quotidiano, 6 maggio 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  10. ^ Federica Seneghini, Musulmano e figlio di immigrati, Khan è candidato sindaco di Londra per i Laburisti, corriere.it, 15 settembre 2015
  11. ^ Giulia Belardelli, Sadiq Khan, sindaco di Londra cosmopolita. Un messaggio per la City, il Regno Unito e il mondo intero, huffingtonpost.it, 6 maggio 2016. URL consultato il 6 maggio 2016 (archiviato il 7 maggio 2016).
  12. ^ Monica Ricci Sargentini, Sadiq Khan vince a Londra È il primo sindaco musulmano Il Labour crolla in Scozia, Corriere.it, 6 maggio 2016. URL consultato il 6 maggio 2016 (archiviato il 6 maggio 2016).
  13. ^ redazione, Voto Gran Bretagna: Khan conquista Londra, è il primo sindaco musulmano, Ansa.it, 7 maggio 2016. URL consultato il 7 maggio 2016 (archiviato il 7 maggio 2016).
  14. ^ Sadiq Khan è stato rieletto sindaco di Londra, su ilpost.it, 8 maggio 2021. URL consultato il 18 maggio 2021 (archiviato il 18 maggio 2021).
  15. ^ Sadiq Khan, 5 cose che non sapetedel nuovo sindaco di Londra, in Corriere della Sera. URL consultato il 13 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN265709443 · ISNI (EN0000 0003 8243 7355 · LCCN (ENno2008179540 · GND (DE104615138X · WorldCat Identities (ENlccn-no2008179540