Sadiq Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sadiq Khan
Sadiq Khan November 2016.jpg

Sindaco di Londra
In carica
Inizio mandato 9 maggio 2016
Predecessore Boris Johnson

Dati generali
Prefisso onorifico The Right Honourable
Partito politico Laburista
Università London Metropolitan University

Sadiq Aman Khan (Londra, 8 ottobre 1970) è un politico britannico di origini pakistane, sindaco di Londra dal 9 maggio 2016.

Come membro del partito Laburista, il 6 maggio 2016 ha vinto le elezioni amministrative per diventare sindaco della capitale inglese contro il conservatore Zac Goldsmith. Ideologicamente si colloca nell'ala social-democratica del partito[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Khan è figlio di due immigrati pakistani. È nato a Tooting, nel sud di Londra, quinto di 8 figli[2]. Ha vissuto la sua giovinezza in una casa popolare con tre stanze. Il padre lavorava come autista di autobus, la madre come sarta. Grazie ai risparmi dei genitori e con i soldi guadagnati da alcuni lavori, Khan riuscì a pagarsi la facoltà di giurisprudenza, fino a laurearsi in legge[3] presso la University of North London[4] permettendogli poi di aprire un suo studio d'avvocati[1].

Dopo essere diventato avvocato difensore dei diritti umani è entrato alla camera dei Comuni nel 2005.[5]

Nella sua carriera legale, si è specializzato in azioni contro la polizia, diritto del lavoro ed in materia di discriminazione, recensioni giudiziarie, inchieste e criminalità.[6]

Dopo le dimissioni di Gordon Brown come capo del partito Laburista, Khan ha gestito la campagna di Ed Miliband[7].

Nel mese di ottobre 2010, è stato eletto nel governo ombra, ed Ed Milliband lo ha nominato segretario di Stato prospettico per il ministero della Giustizia.[8]

Nel 2013 vota a favore del matrimonio egualitario per le coppie dello sesso sesso ricevendo per questo diverse minacce di morte[9].

L'11 settembre 2015 ha vinto le primarie del partito Laburista nella corsa alla carica di sindaco di Londra.[10]

Il 6 maggio 2016 è stato eletto sindaco, il secondo da quando è stato istituito questo ruolo nonché il primo musulmano nella storia della capitale inglese[11][12][13]. Risulta anche il primo sindaco musulmano di una capitale europea[1].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 si sposa con Saadiya Ahmed, anch'essa avvocato. Da lei ha avuto due figlie, Anisah e Ammarah, nate rispettivamente nel 1999 e nel 2001[14].

Si dichiara musulmano praticante[1][9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Chi è Sadiq Khan, il nuovo sindaco di Londra, su Il Post, 07 maggio 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  2. ^ (IT) Sadiq Khan, 5 cose che non sapetedel nuovo sindaco di Londra, in Corriere della Sera. URL consultato il 13 luglio 2017.
  3. ^ Sadiq Khan: "Io, musulmano e vero europeo, sarò sindaco a Londra", in Repubblica.it, 23 febbraio 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  4. ^ (IT) Sadiq Khan, 5 cose che non sapetedel nuovo sindaco di Londra, in Corriere della Sera. URL consultato il 13 luglio 2017.
  5. ^ Sadiq Aman Khan, da figlio di una coppia d'immigrati pachistani a primo cittadino della City, in rainews. URL consultato il 14 luglio 2017.
  6. ^ sadiqkhan.org.uk Sadiq Khan (sito web ufficiale)
  7. ^ Sadiq Khan: The man behind Ed Miliband's campaign, su BBC News. URL consultato il 13 luglio 2017.
  8. ^ Sadiq Khan, sito parliament.uk
  9. ^ a b Sadiq Khan, musulmano attento ai diritti gay ed ecologista favorevole al business. Ecco chi è il nuovo sindaco di Londra, su Il Fatto Quotidiano, 06 maggio 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  10. ^ Federica Seneghini, Musulmano e figlio di immigrati, Khan è candidato sindaco di Londra per i Laburisti, corriere.it, 15 settembre 2015
  11. ^ Giulia Belardelli, Sadiq Khan, sindaco di Londra cosmopolita. Un messaggio per la City, il Regno Unito e il mondo intero, huffingtonpost.it, 6 maggio 2016. URL consultato il 6 maggio 2016 (archiviato il 7 maggio 2016).
  12. ^ Monica Ricci Sargentini, Sadiq Khan vince a Londra È il primo sindaco musulmano Il Labour crolla in Scozia, Corriere.it, 6 maggio 2016. URL consultato il 6 maggio 2016 (archiviato il 6 maggio 2016).
  13. ^ redazione, Voto Gran Bretagna: Khan conquista Londra, è il primo sindaco musulmano, Ansa.it, 7 maggio 2016. URL consultato il 7 maggio 2016 (archiviato il 7 maggio 2016).
  14. ^ (IT) Sadiq Khan, 5 cose che non sapetedel nuovo sindaco di Londra, in Corriere della Sera. URL consultato il 13 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN265709443 · LCCN: (ENno2008179540 · ISNI: (EN0000 0003 8243 7355 · GND: (DE104615138X