Sa'ud ibn Muhammad ibn Muqrin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo sceicco Saʿūd ibn Muḥammad ibn Muqrin (in arabo: سعود بن محمد آل مقرن‎), (... – 1725) è stato un nobile arabo noto per l'essere l'eponimo antenato della dinastia Saudita.[1]

Gli Āl Saʿūd era originari di al-Dirʿiyya, nei pressi della moderna città di Riad, nel centro della regione del Najd. Verso i primi del XVI secolo, gli avi di Saʿūd ibn Muḥammad divennero proprietari e coltivatori di campi di datteri, una delle poche forme di attività agricola che quelle aree potevano offrire, e vi s'installarono. Col tempo i palmizi s'ampliarono, nacque un piccolo centro abitato e il clan di Saʿūd ne fu riconosciuto leader.[2]

Ebbe quattro figli maschi: Muhammad, Thunayan, Mishari e Sa'ud.

Due decenni dopo la sua morte, suo figlio Muhammad ibn Sa'ud sottoscrisse il suo storico patto con Muḥammad ibn ʿAbd al-Wahhāb (m. 1792), che avrebbe portato alla conquista dell'Arabia e alla creazione del primo Stato Saudita (l'Emirato di Dirʿiyya).

Lo Shaykh Muḥammad è noto anche come "Ibn Saʿūd" e da lui prese il suo nome il suo clan.

Note[modifica | modifica wikitesto]