SM U 1 (sommergibile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SM U-1
SM U-1 esposto al museo delle scienze di Monaco di Baviera
SM U-1 esposto al museo delle scienze di Monaco di Baviera
Descrizione generale
War Ensign of Germany 1903-1918.svg Flag of Weimar Republic (war).svg
Tipo sommergibile d'attacco
Proprietario/a Kaiserliche Marine
Ordinata 4 aprile 1904
Cantiere Krupp di Kiel
Entrata in servizio 14 dicembre 1906
Radiata 1919
Destino finale esposta in un museo
Caratteristiche generali
Dislocamento 347
Profondità operativa 30 metri m
Propulsione motore diesel da 200 CV
Velocità in superficie: 20 nodi in immersione: 10,8 nodi
Equipaggio 10

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

l'SM U 1 fu il primo sommergibile militare tedesco ad essere messo in servizio dalla Kaiserliche Marine. Consegnato il 14 dicembre 1906 prestò servizio attivo per poco meno di un decennio come unità di prima linea prima di essere adibito al compito di nave scuola per istruire gli equipaggi.

Costruzione e servizio[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver condotto per alcuni anni con successo una serie di prove con il sommergibile sperimentale Forelle, il Reichsmarineamt incaricò l'ingegnere Gustav Berling il 4 aprile 1904 con la progettazione di un sommergibile militare. Berling si rivolse quindi ai cantieri navali Krupp presso il porto di Kiel, che in precedenza avevano costruito per la marina imperiale russa tre unità della Classe Krab. Inoltre i cantieri navali Krupp risultavano all'epoca essere in possesso o quanto meno a conoscenza di alcuni dei brevetti dell'ingegnere spagnolo Raimondo Lorenzo d'Equevilley Montjustin, che aveva progettato in passato alcune delle unità più sofisticate di quell'epoca. Su richiesta delle marina militare tedesca però dovettero essere effettuate alcune modifiche al progetto originale e il dislocamento dell'unità non doveva essere inferiore alle 347 tonnellate, fatto che comportò alcuni ritardi nell'avvio dei lavori. I lavori di progettazione furono presieduti dal direttore del Reichsmarineamt Alfred von Tirpitz che impose ai progettisti di progettare l'impianto motore in maniera tale che la velocità massima in immersione non fosse inferiore ai 10 nodi. Sempre su richiesta dello stesso Reichsmarineamt l'unità fu dotata di un motore diesel e non di un motore a benzina, con il quale si erano fatte pessime esperienze in passato.

L'unità prestò servizio nella Kaiserlichen Marine fino al 1919 anno in cui dovette essere radiata dal servizio per essere demolita secondo le disposizioni degli alleati. Ciò nonostante grazie all'influsso di personaggi politici di rilievo l'unità poté essere conservata e si trova attualmente esposta al Deutsches Museum di Monaco di Baviera.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

David Miller: Unterseeboote Geschichte und technische entwicklung, Motorbuch-Verlag 1992 Zürich, ISBN 3-7276-7105-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]