Rudolf Dilong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rudolf Dilong

Rudolf Dilong (Trstená, 1º agosto 1905Pittsburgh, 7 aprile 1986) è stato un poeta e presbitero slovacco. Appartenne all'Ordine dei Frati Minori e fu un esponente del movimento letterario del modernismo cattolico.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la maturità Rudolf Dilong divenne frate francescano. In gioventù era stato amico del poeta Štefan Atila Brezány, con cui Dilong mantenne uno sporadico contatto epistolare anche durante il periodo dell'emigrazione. Risiedette a Kremnica, a Hlohovec, a Malacky. Dopo aver completato gli studi teologici, nel 1929 fu ordinato sacerdote. Per qualche anno fu professore di religione alle scuole superiori. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale si arruolò nell'esercito come cappellano militare.

Nel 1945 abbandonò la Slovacchia. Si trasferì a Roma e di qui nel 1947 partì per l'Argentina, dove subito fu destinato all'assistenza spirituale degli immigrati slovacchi di Buenos Aires. Fu redattore del periodico Slovenské zvesti ("Novelle slovacche"). Dal 1965 visse nel monastero di Pittsburgh negli Stati Uniti d'America, ove fu redattore di Listov sv. Františka ("Lettere di San Francesco"). Lavorò anche come funzionario del Congresso mondiale degli slovacchi. Nel 1969 visitò la Slovacchia, avendo in mente di potervi rimanere. Esistono diverse versioni del motivo per cui ciò non si realizzò. Secondo Jozef Rydlo, la responsibilità fu di Laco Novomeský. Dilong ricevette molti soprannomi da parte della critica letteraria: il frate nascosto, il principe dei poeti, il poeta della libertà spezzata, il poeta della perduta libertà slovacca. Era considerato un poeta impetuoso.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Dilong è uno dei più importanti e più prolifici autori del modernismo cattolico. Si dedicò soprattutto alla poesia, ma amche ai drammi. fu fondatore del giornale Postup. Le sue opere sono collocate in un ambiente rurale, affrontò il tema dell'infanzia e spesso descrisse l'Orava, la sua regione natale, che gli diede rifugio e stabilità soprattutto nel periodo della Seconda guerra mondiale. Fu autore di più di 100 opere, delle quali molte andarono perdute a seguito di un incendio in Argentina.

Dilong passa dal misticismo al surrealismo, ai problemi intriganti della natura, a quelli dell'era atomica, alla triste sorte della sua patria oppressa sotto il giogo del comunismo.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Lirica[modifica | modifica wikitesto]

  • 1931Budúci ľudia ("Gli uomini futuri")
  • 1932Slávne na holiach ("Feste sulle vette")
  • 1933Dýchajte, lazy! ("Respirate, villaggi di montagna")
  • 1933 – Roky pod slnkom ("Anni sotto il sole"), dedicate all'XI centenario della consacrazione della chiesa di Pribina a Nitra
  • 1934Hviezdy a smútok. ("Le stelle e la tristezza")
  • 1935Mladý svadobník ("Il giovane invitato alle nozze")
  • 1935 – Helena nosí ľaliu ("Elena porta il giglio")
  • 1936Mladý svadobník ("Il giovane invitato alle nozze")
  • 1938Ja, svätý František ("Io, san Francesco")
  • 1939Gardisti, na stráž! ("Uomini della Guardia, in guardia!")
  • 1939 – Mesto s ružou ("La città con la rosa")
  • 1939 – Honolulu, pieseň labute ("Honululu, canto del cigno")
  • 1941Konvália ("Mughetti")
  • 1941 – Nevolaj, nevolaj ("Non chiamare, non chiamare")
  • 1941 – Somnambul. ("Il sonnambulo")
  • 1942Hanička, dedicato alla sorella morta
  • 1942 – Vojna ("Guerra")
  • 1944Plač ("Pianto")
  • 1945Moja krv ("Il mio sangue")
  • 1948Vlasť volá ("La Patria chiama")
  • 1950Diaľky bez domova ("Distanze senza case")
  • 1953Na vrchu nádeje ("In cima alla speranza")
  • 1954Balady ("Ballate")
  • 1954 – Za svetlom ("Dietro la luce")
  • 1956Stopy v ohni ("Tracce nel fuoco")
  • 1959V záblesku vekov ("Nel lampo dei secoli")
  • 1961Dotyk s večnosťou ("Tocca con l'eternità")
  • 1965Brehy slobody ("Le sponde della libertà")
  • 1966Na hrudách času ("Sul petto del tempo")
  • 1967Pod krížom ("Sotto la croce")
  • 1969Minúty zeme ("Minuti di terra")
  • 1970Kde holub doletí ("Dove vola la colomba")
  • 1972Hladný vetrík ("Venticello affamato")
  • 1973Rozprávka má krídla. ("La favola ha le ali")
  • 1973 – Švih ("Il pennacchio")
  • 1973 – Pokora vína ("La coscienza del vino")
  • 1975Chodníky ("Marciapiedi")
  • 1975 – Kde človek kladie semiačko ("Dove l'uomo getta la semente")
  • 1976Oči nám horia ("Gli occhi ci bruciano")
  • 1976 – Čo vietor nepovie ("Quello che il vento non dice")
  • 1983S fakľou v ruke ("Con la fiaccola in mano")

Antologie poetiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 1970Matka celá krásna ("Mamma tutta bella")
  • 2002Hviezdy a smútok: Literárne dielo I. ("Le stelle e la tristezza") Bratislava, Petrus, 2002. ISBN 80-88939-48-8.
  • 2002 – Cesty a stesky: Literárne dielo II. ("Viaggi e dolori") Bratislava, Petrus, 2002, ISBN 80-88939-80-X.
  • 2002 – Pieseň lásky: Literárne dielo III. ("Canzone d'amore") Bratislava, Petrus, 2002. ISBN 80-88939-49-6.

Epica[modifica | modifica wikitesto]

  • 1943Zakliata mladosť ("Gioventù dannata")
  • 1951Bez matky ("Senza madre")
  • 1951 – Cesty vyhnanca ("Viaggi di un esule") (prosa di viaggio)
  • 1953Pieseň lásky ("Canzone d'amore") (romanzo)
  • 1956Golgota
  • 1964Agónia veku ("L'agonia dell'età") (romanzo)
  • 1971Ponúkam chlieb so soľou ("Offro il pane col sale")
  • 1973Vidíte zrnko ("Guardate il grano")
  • 1976Stretával som ľudí a svet. ("Ho incontrato gli uomini e il mondo")
  • 1982Ešte kvietok: Lyricko-epické meditácie ("Ancora un fiorellino: meditazioni lirico-epiche")
  • 1984Sväté rozjímanie. ("La Santa Comunione")
  • 1992Rozjímania. ("Comunioni")
  • 2000Ruža menom Dagmar: Antiromán ("Una rosa di nome Dagmar: antiromanzo")
  • 2001Mladosť z očistca ("Gioventù dal purgatorio")

Drammi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1940Valin
  • 1947Padajúce svetlo ("Luce al tramonto")
  • 1963Gorazd

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1933Antológia mladej slovenskej poézie (Z výberu autorov-katolíkov) ("Antologia di giovane poesia slovacca (selezione di autori cattolici)")
  • 1955Slovo Božie ("Parola di Dio")
  • 1992Ja, Rudolf Dilong, trubadúr: Výber z exilovej tvorby Rudolfa Dilonga ("Io, Rudolf Dilong, trovatore: selezione delle opere dell'esilio") (a cura di Peter Cabadaj)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SK) Rudolf Dilong – Literárne informačné centrum
  2. ^ (FR) Renée Perreal e Joseph A. Mikuš, La Slovaquie: une nation au cœur de l'Europe, Lausanne, 1992, p. 156

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Meriggi, Le letterature ceca e slovacca, Firenze, 1968, pp. 310-311
  • (FR) Renée Perreal e Joseph A. Mikuš, La Slovaquie: une nation au cœur de l'Europe, Lausanne, 1992, pp. 156-157
  • (SK) Imrich Kružliak, Rudolf Dilong: Honolulu, pieseň labute, Bratislava, Spolok slovenských spisovateľov, 1998, ISBN 80-88735-89-0.
  • (SK) Jozef M. Rydlo (a cura di), Rudolf Dilong (1905 – 1986): Zborník o živote a diele k básnikovej storočnici. Bratislava, Libri historiae, 2009 ISBN 978-80-89348-04-6.
  • (SK) Denisa Fulmeková, Konvália: Zakázaná láska Rudolfa Dilonga, Bratislava, Slovart, 2016 ISBN 978-80-556-2484-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN47671824 · ISNI (EN0000 0001 0897 1731 · LCCN (ENn50028811