Coordinate: 47°00′38″N 8°01′37″E

Romoos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Romoos
comune
Romoos – Stemma
Romoos – Veduta
Romoos – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Svizzera Svizzera
Cantone Lucerna
DistrettoEntlebuch
Amministrazione
Lingue ufficialitedesco
Data di istituzione1831
Territorio
Coordinate47°00′38″N 8°01′37″E
Altitudine790 m s.l.m.
Superficie37,39[1] km²
Abitanti638[2] (2022)
Densità17,06 ab./km²
Frazionivedi elenco
Comuni confinantiDoppleschwand, Entlebuch, Escholzmatt-Marbach, Hasle, Hergiswil bei Willisau, Menznau, Schüpfheim, Trub (BE), Wolhusen
Altre informazioni
Cod. postale6110, 613, 6167
Prefisso041
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS1007
TargaLU
Nome abitantiromooser
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Romoos
Romoos
Romoos – Mappa
Romoos – Mappa
Sito istituzionale

Romoos (toponimo tedesco) è un comune svizzero di 638 abitanti del Canton Lucerna, nel distretto di Entlebuch.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Romoos è situato nei pressi del massiccio del Napf, tra i torrenti Grosse Fontanne e Kleine Fontanne[3]; il territorio comunale si estende su una superficie di 37,39 km²[1] a un'altitudine compresa tra i 610 e i 1 371 m s.l.m. del monte Hapfegghengst. La topografia determinata dal Napf è caratterizzata da molte, strette gole e ripidi pendii boscosi con strette terrazze, che hanno fatto sì che questi luoghi siano stati definiti anche come le "Centovalli del Canton Lucerna"[senza fonte].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diversi toponimi del luogo (Bärüti, Schwändi, Brand, Stocketli, Schwäntegg) suggeriscono la presenza di popolazioni di origine alemanna fin dal IX secolo[senza fonte]; il nome Romoos appare tuttavia la prima volta in un documento del 1084, con ortografia Rommos[3], e forse deriva dall'alto tedesco antico Rona o Ronoche, che significa "tronco d'albero", "vento laterale" oppure "radura disboscata"[significati troppo disparati][senza fonte].

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma comunale («In Gelb schräger roter, erniedrigter Doppelwellenbalken, im linken Obereck wachsender schwarzer, rotbewehrter und gezungter Bär»[4]) presenta due bande ondulate rosse in campo giallo che rappresentano la Grosse e la Kleine Fontanne[senza fonte]; l'orso era sullo stemma della famiglia Bärenstoss che ha servito i baroni di Wolhusen tra il 1273 ed il 1426[senza fonte].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Santa Maria Maddalena

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[3]:

Abitanti censiti[5]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Bramboden

Le frazioni di Romoos sono[3]:

  • Bramboden
  • Fontannen bei Wolhusen
  • Holzwegen
  • Lingetli

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia locale trae impulso principalmente dal settore primario[3].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Doppleschwand-Romoos

Romoos è servito dalla stazione ferroviaria di Doppleschwand-Romoos (dismessa dal 1999[6]) delle Ferrovie Federali Svizzere, sulla linea Berna-Lucerna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DEFR) Generalisierte Grenzen 2020: Hilfsdatei, su bfs.admin.ch, Ufficio federale di statistica, 14 febbraio 2020. URL consultato il 25 settembre 2023.
  2. ^ (DEENFRIT) Ständige Wohnbevölkerung nach Staatsangehörigkeitskategorie, Geschlecht und Gemeinde, definitive Jahresergebnisse, 2022, su bfs.admin.ch, Ufficio federale di statistica, 24 agosto 2023. URL consultato il 25 settembre 2023.
  3. ^ a b c d e f g Willi Huber, Romoos, in Dizionario storico della Svizzera, 22 gennaio 2021. URL consultato il 25 settembre 2023.
  4. ^ (DE) Romoos, su staatsarchiv.lu.ch. URL consultato il 25 settembre 2023.
  5. ^ Dizionario storico della Svizzera
  6. ^ (DE) Geschichte, su doppleschwand.ch, sito istituzione del comune di Doppleschwand. URL consultato il 25 settembre 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241227428 · WorldCat Identities (ENviaf-241227428
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera