Roberto Asquini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Asquini

Sottosegretario di Stato del Ministero delle Finanze
Durata mandato 11 maggio 1994 –
17 gennaio 1995
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Paolo Bruno
Successore Franco Caleffi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XII
Gruppo
parlamentare
LN
Coalizione Centro Destra
Circoscrizione Friuli-Venezia Giulia
Collegio 5-Udine
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione Finanze
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord (XI leg.); Polo delle Libertà (XII)
Professione insegnante

Roberto Asquini (Udine, 7 settembre 1964) è un politico italiano, eletto deputato nel 1992 per la Lega Nord a soli 27 anni.
.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Rieletto a Montecitorio nel 1994, è stato sottosegretario di Giulio Tremonti al ministero delle Finanze durante il governo Berlusconi I.

L'anno successivo è stato eletto al Consiglio comunale di Udine e alla fine del 1995, dopo alcuni contrasti, ha rifiutato la ricandidatura al Parlamento.

Subito dopo è stato fra i fondatori di Linea Retta.

È noto in Friuli-Venezia Giulia per aver promosso e fatto approvare la legge per la riduzione del prezzo della benzina, operativa da oltre un decennio, per i cittadini della regione. Tale norma ha permesso di recuperare rilevanti quantità di denaro che prima venivano spesi fuori regione, creando utili per la Regione, utili per lo Stato, aumento di posti di lavoro e PIL, e sconti per i residenti in regione.[senza fonte]

Nel 1998 è stato eletto per la prima volta al Consiglio regionale del Friuli-Venezia Giulia, nelle liste di Forza Italia, ed è divenuto presidente della Commissione Bilancio. Nel 2003 è stato rieletto, divenendo vicepresidente dell'assemblea legislativa di Trieste. È stato presidente del Comitato esecutivo Regionale Friuli-Venezia Giulia dei Circoli della Libertà. Nel 2008 è stato ancora rieletto in Consiglio Regionale nelle liste del PdL e ha ricoperto l'incarico di Presidente del Gruppo Misto durante tutta la legislatura.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]