Riserva naturale Montedimezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva Naturale Orientata e Riserva Mab Montedimezzo
Flora Monte di Mezzo riserva UNESCO M.A.B. - estate 2015.JPG
Tipo di areaRiserva naturale statale
Codice WDPA15315
Codice EUAPEUAP0093
Class. internaz.Riserva MaB – Unesco
StatiItalia Italia
RegioniMolise Molise
ProvinceIsernia Isernia
ComuniVastogirardi
Superficie a terra276 ha
Provvedimenti istitutiviD.M. 11 settembre 1971

D.M. 29 marzo 1972

GestoreMinistero delle Politiche Agricole e Forestali - Corpo Forestale dello Stato
Mappa di localizzazione
[www.riservamabaltomolise.it Sito istituzionale]

Coordinate: 41°45′28.08″N 14°12′46.44″E / 41.7578°N 14.2129°E41.7578; 14.2129

La Riserva Naturale Orientata Montedimezzo è un'area naturale protetta situata nel comune di Vastogirardi, in provincia di Isernia. Già Riserva di Caccia dei Borboni, con l'unità d'Italia fu incamerata dallo Stato che l'affidò all'Amministrazione Forestale (L.1376/1908). Si sviluppa fra le quote di 900 e 1300 metri, occupa una superficie di circa 276 ettari[1]. È inserita fin dal 1977 nel programma sull'uomo e la biosfera, un programma scientifico intergovernativo avviato dall' UNESCO, per promuovere su base scientifica un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente attraverso, la tutela della Biodiversità e le buone pratiche dello sviluppo sostenibile

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

È situata nel cuore dell'Appennino molisano, ed occupa il versante settentrionale ed occidentale del Monte La Penna (1227 s.l.m.), entro lo spartiacque del torrente Vandra, affluente minore del Volturno.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione è arborea, con prevalenza di cerro e faggio, due specie che predominano l'una sull'altra in funzione della pendenza, dell'altitudine, del substrato pedologico e delle variazioni microclimatiche. Il cerro si sviluppa prevalentemente su substrati argillosi e marnosi, con condizioni climatiche intermedie e con tolleranza di periodi siccitosi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]