Rifugio Luigi Albani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rifugio Luigi Albani
1230791293.rifugio.albani.jpg
Rifugio Luigi Albani
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudine1 939 m s.l.m.
LocalitàColere
CatenaPrealpi Orobie
Coordinate45°57′58″N 10°03′22″E / 45.966111°N 10.056111°E45.966111; 10.056111Coordinate: 45°57′58″N 10°03′22″E / 45.966111°N 10.056111°E45.966111; 10.056111
Dati generali
Inaugurazione1967
ProprietàCAI sezione di Bergamo
GestioneChicco Zani
Periodo di aperturaDal 10 giugno al 10 settembre.
Capienza70 posti letto
Mappa di localizzazione

Il rifugio Luigi Albani è un rifugio situato nel comune di Colere (BG), in Valle di Scalve, nelle Prealpi Orobie, a 1.939 m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio è stato costruito ed inaugurato nel 1967.

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio è di proprietà della sezione di Bergamo del Club Alpino Italiano. Ha una capienza di circa 70 posti letto ed è aperto in modo continuativo dal 10 giugno al 10 settembre, mentre per il resto dell'anno è aperto solamente nei giorni festivi e prefestivi e in prossimità delle festività comandate.

Il rifugio è in posizione ideale per alcune gite scialpinistiche in zona, nonché per affrontare le difficilissime vie di arrampicata sulla parete settentrionale della Presolana. Più facile, ma non meno suggestiva è la via ferrata del Passo della Porta che permette di raggiungere il versante meridionale della montagna lungo cui sale la via normale alla vetta.

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Dall'abitato di Colere segnavia n. 403 percorribile in 2,30 h oppure n. 402, attraverso i piani di Vione, in 3 ore. In alternativa da Teveno in 2,30h passando per Malga Polzone

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio è raggiungibile anche dalle Baite del Möschel (Valzurio), segnavia n. 311 percorribile in circa 2,30 h.

Il rifugio è la meta della 7ª tappa del Sentiero delle Orobie Orientali, dal rifugio Antonio Curò, segnavia n. 304 percorribile in 4,30 h. Da qui si prosegue alla volta del Passo della Presolana (8ª e ultima tappa) tramite il sentiero con via ferrata n. 316 in circa 5 h.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

In inverno il rifugio è raggiungibile dagli sciatori delle piste di Colere percorrendo un breve e facile tratto di fuoripista. Da luglio a settembre è possibile inoltre usufruire degli impianti di risalita fino a Cima Bianca (m 2.000), da cui si raggiunge il rifugio in circa 20 minuti a piedi durante l'estate mentre 5 minuti d'inverno con gli sci.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]