Renaud Garcia-Fons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renaud Garcia-Fons
Renaud Garcia-Fons in concert.jpg
NazionalitàFrancia Francia
GenereJazz
World music
EtichettaEnja Records
Sito ufficiale

Renaud Garcia-Fons (Parigi, 24 dicembre 1962) è un bassista e compositore francese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Garcia-Fons

Garcia-Fons ha iniziato i suoi studi musicali in giovane età. A cinque anni inizia a suonare il pianoforte, poi è passato alla chitarra classica all'età otto anni e poi verso il contrabbasso all'età di 16 anni. Ha studiato musica presso il Conservatorio di Parigi con l'insegnante François Rabbath, che gli ha insegnato, in particolare, le tecniche dell'arco.

Garcia-Fons è stato fortemente influenzato dal suo mentore, il bassista François Rabbath.[1]

Ha iniziato a suonare jazz nel gruppo del trombettista Roger Guérin, e successivamente con molti altri: orchestre sinfoniche, gruppi jazz e un trio. Nel 1987-93 fa parte de L'Orchester de Contrebasses. È rimasto con loro per sei anni, anche con l'orchestra nazionale di Jazz diretta da Claude Barthélémy. Enja Records ha pubblicato il suo primo album di debutto Légendes (1992).

Alboreá (1995) è stato il suo prossimo album, con la partecipazione di Jean-Louis Matinier (fisarmonica), Jacques Mahieux (batteria) e Yves Torchinsky (basso).

Il suo terzo album, Oriental Bass del 1998, è stato ben accolto dalla stampa. Successivamente con Jean-Louis Matinier pubblica l'album Fuera (1999). In molte occasioni è accompagnato da vari strumenti, tra cui la chitarra, darabouka, flauti, trombone e fisarmonica. Garcia-Fons ha collaborato con vari musicisti jazz come Jean-Louis Matinier, Michael Riessler, Sylvain Luc, Nguyên Lê e Michel Godard e ha contribuito alle registrazioni di Gerardo Núñez e con altri del Medio Oriente come Kudsi Erguner, Dhafer Youssef e Cheb Mami.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 – Légendes (Enja Records)
  • 1995 – Alboreá (Enja Records)
  • 1995 – Suite Andalouse (Al Sur), con Pedro Soler
  • 1997 – Oriental Bass (Enja Records)
  • 1999 – Fuera (Enja Records), con Jean-Louis Matinier
  • 2000 – Acoustic Songs (Label Hopi), con Gérard Marais
  • 2001 – Navigatore (Enja Records)
  • 2004 – Entremundo (Enja Records)
  • 2006 – Arcoluz (Enja Records)
  • 2009 – La Linea Del Sur (Enja Records)
  • 2010 – Méditerranées (Enja Records)
  • 2012 – Solo - The Marcevol Concert (Enja Records)
  • 2013 – Beyond The Double Bass (Enja Records)[3]
  • 2014 – Silk Moon (e-motive Records), con Derya Türkan[4]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Con Dhafer Youssef
Coo Gianluigi Trovesi Nonet
  • 2000 – Round About A Midsummer's Dream (Enja Records)[5]
Con Antonio Placer, Paulo Bellinati e Jorge Trasante
  • 2000 – Nomades D'Ici (Le Chant du Monde)
Con Nguyên Lê
  • 1997 –Three Trios (ACT Music)
  • 2000 – Bakida (ACT Music)
  • 2008 – Fragile Beauty (ACT Music)
Con Gerardo Núñez
  • 2000 – Jazzpaña II (ACT Music)
Con Kudsi Erguner
  • 2001 – Islam Blues (ACT Music)
Con David Peña Dorantes
  • 2015 – Paseo A Dos (E-Motive Records)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ T. Ballard Lesemann, Renaud Garcia-Fons plucks across the boundaries on his five-string bass, su Charleston City Paper. URL consultato il 7 novembre 2017.
  2. ^ NEWS: German ECHO JAZZ 2013 Winners Announced (Updated Post), su www.londonjazznews.com. URL consultato il 7 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  3. ^ (EN) All About Jazz, Renaud Garcia-Fons: Beyond The Double Bass, su All About Jazz. URL consultato il 7 novembre 2017.
  4. ^ Copia archiviata, su jazzhalo.be. URL consultato il 15 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2014).
  5. ^ (EN) Renaud Garcia-Fons, su Discogs. URL consultato il 7 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79169564 · ISNI (EN0000 0000 7839 6544 · LCCN (ENn96070652 · GND (DE129326070 · BNF (FRcb139427607 (data) · WorldCat Identities (ENn96-070652