Markus Stockhausen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Markus Stockhausen
Markus stockhausen 2.JPG
Markus Stockhausen, TFF Rudolstadt, 2009
NazionalitàGermania Germania
GenereMusica contemporanea
Jazz
improvvisazione libera
Periodo di attività musicale1980 – in attività
StrumentoTromba
EtichettaECM, Aktivraum
Sito ufficiale

Markus Pirol Stockhausen (Colonia, 2 maggio 1957[1]) è un trombettista e compositore tedesco.

Particolarmente attivo nel jazz e nell'ambito dell'improvvisazione libera oltre che nel repertorio colto contemporaneo. Intraprese già a partire dal 1975 un'intensa e proficua collaborazione con il padre Karlheinz Stockhausen, celebre compositore d'avanguardia e figura di spicco della scuola di Darmstadt.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di quattro anni è apparso come "bambino che gioca" nel pezzo teatrale di suo padre Originale. Ha ricevuto le sue prime lezioni di pianoforte all'età di sei anni e all'età di dodici anni ha iniziato a suonare la tromba. Ha frequentato il liceo musicale di Colonia.

Concerti e apparizioni in festival, anche per il Goethe Institute, lo hanno portato in giro per il mondo. Nel novembre 2008 ha eseguito la prima esecuzione di Freedom Variations, una composizione per tromba e ensemble da camera scritta dal compositore italiano Lorenzo Ferrero.[3]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Così Lontano. . . Quasi Dentro (ECM, 1989)
  • Aparis ( ECM, 1990)
  • Köln Musik Fantasy (1991)
  • Stockhausen: Michaels Reise (ECM, 1992)
  • Nonostante gli sforzi dei vigili del fuoco. . . (Polygram / ECM / Universal, 1993)
  • New Colors of Piccolo Trumpet ( EMI Classics, 1993)
  • Stockhausen: Oberlippentanz; Ave; Tierkreis (Trio-Version) (Stockhausen-Verlag, 1993)
  • Stockhausen: Ariete; Klavierstück XIII (Stockhausen-Verlag, 1994)
  • Clown (EMI, 1995)
  • Possible Worlds (CMP, 1995)
  • Colonia Music Fantasy (Largo, 1996)
  • Sol Mestizo ( ACT, 1996)
  • Markus Stockhausen interpreta Karlheinz Stockhausen (EMI Classics, 1998)
  • Solo I (Aktivraum, 2000)
  • Still Light (MA, 2000)
  • In Deiner Nahe (Aktivraum, 2001)
  • Karta (ECM, 2001)
  • Close to You (Aktivraum, 2001)
  • Joyosa (Enja, 2002)
  • Lichtblick: Prima, Altrove. . . (Aktivraum, 2004)
  • Non-dualità (Aktivraum, 2004)
  • Thinking About (Aktivraum, 2004)
  • Mozart, La Nuit Jazz 'n' Groove (Nocturne, 2005)
  • Es War Einmal. . . Instanti Infiniti (Aktivraum, 2007)
  • Streams (Enja, 2007)
  • Abendglühen (Aktivraum, 2008)
  • Tesori elettrici: Live in Bonn (Aktivraum, 2008)
  • No Matter (Metastation, 2008)
  • Simbiosi: Werke von Markus Stockhausen für Klarinette und Trompete und Streichorchester (Aktivraum, 2008)
  • Altre presenze (Sargasso, 2008)
  • Symphonic Colors (2009)
  • Spaces & Spheres: Intuitive Music (Wergo, 2013)
  • Markus Stockhausen e il Metropole Orkest (Intuition, 2013)
  • Atlas (con Martux_m, Resiliens recordings, 2015)[4]
  • Alba (ECM / Universal, 2016)
  • Hamdelaneh - Intimate Dialogues (con Alireza Mortazavi, Dark Companion, 2019) [5]

Come accompagnatore[modifica | modifica wikitesto]

Con Rainer Brüninghaus

  • Continuum (ECM, 1983)

Con Ralph Towner

  • City of Eyes (ECM, 1988)

Con Gaspare Bernardi

  • Stranger at home (Incipit/Egea, 2018)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) oxfordreference, su oxfordreference.com. URL consultato il 23 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Michael Joseph Berthelot, A Symphonic Poem on Dante's Inferno and a study on Karlheinz Stockhausen and his effect on the trumpet, su digitalcommons.lsu.edu, p. 137. URL consultato il 23 aprile 2020.
  3. ^ Anon. "Evento: Sonata Islands—Jazz & Notation: 25.11.2008 Archiviato il 25 luglio 2011 in Internet Archive.", Teatro del Verme, Provincia de Milano website (Accessed 28 January 2011).
  4. ^ Markus Stockhausen / Martux_M – Atlas EP, su Discogs. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  5. ^ AllMusic, http://www.allmusic.com/artist/markus-stockhausen-mn0000338332/discography. URL consultato il 9 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sanz, Pablo (2006). "Markus Stockhausen, una mirada fuera de plano". Scherzo: Revista de música 21, no. 210 (luglio-agosto): 136–37.
  • Tarr, Edward H. (2001). "Stockhausen, Markus". The New Grove Dictionary of Music and Musicians, seconda edizione, a cura di Stanley Sadie e John Tyrrell . Londra: Macmillan Publishers.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7575534 · ISNI (EN0000 0000 6308 5911 · Europeana agent/base/154850 · LCCN (ENn84181297 · GND (DE124852807 · BNF (FRcb13900081z (data) · J9U (ENHE987007349466405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n84181297