Refused

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Refused
RefusedWayOutWest.jpg
I Refused in concerto a Göteborg nel 2012
Paese d'origineSvezia Svezia
GenereHardcore punk[1]
Alternative metal[1]
Rock sperimentale[2]
Periodo di attività musicale1992 – 1998
2012 – in attività[3]
EtichettaBurning Heart Records
Album pubblicati6
Studio4
Raccolte2
Sito ufficiale

I Refused sono un gruppo hardcore punk[1] svedese, formato a Umeå nel gennaio 1992 da Dennis Lyxzén, cofondatore del movimento culturale Church of Noise con Sir Bob Cornelius Rifo, David Sandström, Pär Hansson e Jonas Lidgren.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni (1991-1997)[modifica | modifica wikitesto]

I Refused in concerto nel 1994

Il gruppo si formò agli inizi del 1991 con Dennis Lyxzén alla voce, David Sandström alla batteria, Pär Hansson alla chitarra e Jonas Lindgren al basso, pubblicando il demo omonimo. Dopo un cambio di formazione che vide l'ingresso di Kristofer Steen Magnus Björklund rispettivamente al posto di Hansson e Lindgren, i Refused pubblicarono l'album di debutto This Just Might Be... the Truth nel 1994, seguito un mese più tardi dall'EP Everlasting.

Durante questo periodo Björklund abbandonò i Refused, che faticarono a trovare un sostituto permanente al punto di coinvolgere dodici bassisti dura la propria attività dal vivo e sessioni di registrazione.[4] Intorno allo stesso periodo entrò in formazione un secondo chitarrista, Jon Brännström, pubblicando il secondo album Songs to Fan the Flames of Discontent nel 1996.

The Shape of Punk to Come, scioglimento (1998)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 i Refused pubblicarono il terzo album in studio The Shape of Punk to Come, che presentò significativi esperimenti musicali rispetto alle sonorità tipicamente punk che caratterizzarono le precedenti pubblicazioni, passando da elementi jazz fino alla musica d'ambiente;[4][5] inoltre hanno influito fortemente altre band hardcore, come The Nation of Ulysses, Born Against, così come le opere di Karl Marx, di Errico Malatesta e del Situationist International.

Il disco, tuttavia, ebbe uno scarso successo commerciale, venendo poco pubblicizzato dall'etichetta e vendendo in un anno circa 1400 copie negli Stati Uniti d'America. Ciò dettò sconforto e dissidi all'interno della formazione, tra cui un litigio tra Lyxzén e Brännström a seguito di un concerto in Svezia.[4] Pochi mesi più tardi, il gruppo riuscì ad esibirsi negli Stati Uniti d'America in qualità di artisti d'apertura dei Frodus, partecipando a sole otto date, concordando ad Atlanta la volontà di sciogliersi;[4] il tour si concluse in un locale di Harrisonburg il 6 ottobre 1998, dove il loro concerto, definito in seguito come «caotico», fu interrotto dall'arrivo della polizia mentre suonarono Rather Be Dead, tratto da Songs to Fan the Flames of Discontent.[4][6]

Dopo lo scioglimento (1999-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante Dennis Lyxzén ha formato i The (International) Noise Conspiracy ed i 93 Million Miles mentre gli altri componenti hanno formato il gruppo TEXT. Nel 2004 Lyxzén e Sandström hanno fondato assieme ad alcuni amici i The Lost Patrol Band.

Nel 2003 la rivista Kerrang! inserì The Shape of Punk to Come al 13º posto nella lista dei suoi 50 album più influenti di tutti i tempi.[7]

Nel 2006 è stato pubblicato il documentario Refused Are Fucking Dead, diretto da Steen e incentrato sull'ultimo anno di esistenza della band.

Il 7 giugno 2010 la Epitaph Records ha pubblicato un'edizione deluxe di The Shape of Punk to Come consistente in tre dischi. All'album sono stati accorpati un live inedito tenutosi ad Umeå e il sopracitato documentario.[8]

Reunion, Freedom (2012-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Dennis Lyxzén durante un concerto nel 2012

Il 10 gennaio 2012 i Refused hanno confermato il loro ritorno sulle scene musicali, esibendosi ad aprile al Coachella Valley Music and Arts Festival e in agosto al Way Out West Festival di Göteborg.[9] Successivamente hanno intrapreso una tournée mondiale, toccando l'Europa, l'Australia e nuovamente gli Stati Uniti d'America, concludendo la reunion il 15 dicembre dello stesso anno a Umeå.[10]

Nonostante la conclusione della reunion, il 1º novembre 2014 Jon Brännström ha rivelato a sorpresa di essere stato allontanato dai Refused, i quali hanno in seguito ribadito di aver tagliato ogni rapporto con il chitarrista l'anno prima, facendo intendere di essere al lavoro su nuovo materiale inedito.[11]

Il 27 aprile 2015 i Refused hanno annunciato l'uscita del quarto album in studio Freedom, il primo dai tempi di The Shape of Punk to Come del 1998.[12] Uscito il 30 giugno, il disco si compone di dieci brani tutti prodotti da Nick Launay e realizzati con la collaborazione di Shellback.[13]

War Music (2019-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 marzo 2019 Lyxzén ha rivelato che il gruppo era al lavoro sul quinto album in studio:[14]

«Abbiamo un nuovo disco quasi completo – non proprio. È stato uno di quelli, nel tipico stile dei Refused, che ha richiesto molto tempo e nessuno [dei componenti del gruppo] si stava godendo il processo di realizzazione del disco ed è stato un po' estenuante. Ma siamo quasi al traguardo, il che è fantastico. Sembra che sarà un disco davvero fantastico. [...] Penso che questo sia il disco che la gente voleva che facessimo l'ultima volta. Ma penso sia stato positivo aver fatto Freedom l'ultima volta, perché in un certo senso livella il campo di gioco... Non è che faremo The Shape of Punk to Come 2 – perché non sarà così.»

Intitolato War Music, l'album è stato pubblicato il 18 ottobre dello stesso anno ed è stato anticipato dai singoli Blood Red, REV001 e Economy of Death.[15] Per la sua promozione i Refused hanno intrapreso una tournée in congiunta con i Thrice in Europa tra ottobre e novembre dello stesso anno,[16] a cui farà seguito un tour nell'America del Nord tra febbraio e marzo 2020, dove saranno supportati dai Metz e dagli Youth Code.[17]

Stile musicale e influenze[modifica | modifica wikitesto]

I Refused appartengono alla politica della sinistra radicale e dell'anticapitalismo, con un suono che rende omaggio a The Nation of Ulysses e Born Against. Prima che il fenomeno hardcore di Umeå fiorisse del tutto, la band faceva parte della scena giovanile sorta attorno al locale Galaxen, oltre che alla scena punk-rock e metal di band come i Meshuggah.[senza fonte]

Il batterista David Sandström ha affermato che prima che si formasse la band, lui era un "ragazzo fan del death metal e sniffa-colla", ma anche fan degli Step Forward, l'embrione dei Refused. Quando gli Step Forward si sciolsero l'amicizia tra David e Dennis Lyxzen divenne più forte, Dennis lo portò a casa e gli fece ascoltare l'album We're Not in This Alone degli Youth of Today più volte di seguito in una stanza da solo.[18]

L'album This Just Might Be... the Truth è stato in gran parte influenzato dai gruppi hardcore americani famosi a quel tempo (come gl Earth Crisis), nonché da varie bande della scena hardcore di New York. Dal momento della sua apparizione, la band aveva già una forte spinta oppositoria.[19]

Nel suo secondo album, Songs to Fan the Flames of Discontent, la band adottò un suono più pesante, in gran parte a causa del fatto che Dennis utilizzò uno stile urlato, invece che cantato ad alta voce.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Jonas Lindgren – basso (1991-1992)
  • Pär Hansson – chitarra (1991-1994)
  • Henrik Jansson – chitarra (1992-1995)
  • Magnus Höggren – basso (1995-1997)
  • Ulf Nyberg – basso (1997-1998)
  • Jon Brännström – chitarra, sintetizzatore, cori (1995-1998, 2012-2014)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Jason Ankeny, Refused, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 1º novembre 2019.
  2. ^ (EN) Stuart Green, Refused - New Noise Spawns Nu Shame, Exclaim!. URL consultato il 1º novembre 2019.
  3. ^ (EN) The official statement, officialrefused.com, 9 gennaio 2012. URL consultato il 17 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2013).
  4. ^ a b c d e (EN) Chase Stevens, REFUSED: Pop Songs for the Revolution, Noisey. URL consultato il 9 novembre 2019.
  5. ^ (EN) Blake Butler, The Shape of Punk to Come, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 novembre 2019.
  6. ^ (EN) Steve Appleford, Q&A With Refused's Dennis Lyxzen: Reunion Success Was 'A Bit Trippy', Rolling Stone, 6 maggio 2013. URL consultato il 9 novembre 2019.
  7. ^ http://www.burningheart.com, burningheart.com, burningheart.com (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2012).
  8. ^ (EN) The Shape of Punk to Come to be released as a deluxe edition, su ventvox.com, 5 maggio 2010. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  9. ^ (EN) Alex Young, Refused confirms reunion shows, Consequence of Sound, 11 gennaio 2012. URL consultato il 9 novembre 2019.
  10. ^ (EN) Gregory Adams, Refused Bring Their Reunion to a Close with Final Shows, su exclaim.ca, 26 ottobre 2012. URL consultato il 9 novembre 2019.
  11. ^ (EN) Evan Minsker, Refused Fired Guitarist Jon Brännström, Pitchfork, 1º novembre 2014. URL consultato il 9 novembre 2019.
  12. ^ (EN) Richard Bienstock, Refused on First Album in 17 Years: 'F–k What People Expect of Us', Rolling Stone, 7 maggio 2015. URL consultato il 9 novembre 2019.
  13. ^ (EN) REFUSED To Release 'Freedom' Album In June, Blabbermouth.net, 27 aprile 2015. URL consultato il 9 novembre 2019.
  14. ^ (EN) Spencer Kaufman, Dennis Lyxzén: New Refused album will make "more sense" for fans who love The Shape of Punk to Come, Consequence of Sound, 26 marzo 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  15. ^ (EN) Greg Kennelty, REFUSED Announce New Album War Music For October, Metal Injection, 24 luglio 2019. URL consultato il 2 novembre 2019.
  16. ^ (EN) Andrew Trendell, Thrice and Refused announce joint UK headline tour, New Musical Express, 7 maggio 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  17. ^ (EN) REFUSED Announces Early 2020 North American Tour, Blabbermouth.net, 23 settembre 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  18. ^ Documentary on "the vegan movement" aired on Swedish Radio P3 in November 2008 Copia archiviata, su sverigesradio.se. URL consultato il 9 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009). ; https://sverigesradio.se/laddahem/podradio/SR_p3_dokumentar_081124015419.mp3
  19. ^ http://www.allmusic.com/album/r272829

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Michael Cyris, Die Popularisierung des Revolutionären am Beispiel der schwedischen Hardcore-Punkband REFUSED, Grin Verlag, 2011, ISBN 9783640958481.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN155562565 · LCCN (ENno2004116322 · GND (DE10310946-8 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004116322
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk