Red Faction

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Red Faction
videogioco
Piattaforma Playstation 2, Microsoft Windows, Telefono cellulare, N-Gage
Data di pubblicazione 22 maggio 2001 (Playstation 2); 18 settembre (Windows)
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Fantascienza
Sviluppo Volition, Inc.
Pubblicazione THQ
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Periferiche di input tastiera, joystick, mouse
Motore grafico GeoMod Engine
Supporto 2 CD-ROM, 1 DVD
Seguito da Red Faction II

Red Faction è un videogioco uscito nel 2001, sviluppato da Volition, Inc. e distribuito da THQ. Si tratta di uno sparatutto in prima persona a tema fantascientifico, ambientato su Marte nel XXI secolo. Il gioco ha tre seguiti: Red Faction II, Red Faction: Guerrilla e Red Faction: Armageddon.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un prossimo futuro l'umanità ha colonizzato Marte, per recuperare minerali ormai terminati sulla Terra. La Ultor Corporation è la compagnia principale, ed è tristemente conosciuta per le fatiscenti condizioni cui costringe i propri lavoratori; contemporaneamente si sviluppa una terribile epidemia che, insieme all'esasperazione dei minatori, fa scoppiare una rivolta. Noi controlleremo un neo-minatore chiamato Parker, che si trova suo malgrado coinvolto con gli accadimenti.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Una delle caratteristiche più innovative del gioco è quella derivata dal suo motore grafico, chiamato GeoMod Engine. Questo permette di alterare (grazie a esplosivi o lanciarazzi) il terreno o parti di costruzioni, dando così la possibilità al giocatore di creare tunnel e scorciatoie. Tuttavia nella modalità giocatore singolo la caratteristica è poco utilizzata, e relegata a limitate sezioni dei livelli; nelle modalità multiplayer è invece più sfruttata.

Red Faction e Descent 4[modifica | modifica wikitesto]

Descent 4 doveva essere un gioco della serie Descent in fase di sviluppo da parte dei Volition, in particolare doveva essere un prequel del primo titolo. Il gioco è stato in seguito annullato, ma parte delle tecnologia (e anche della trama) è stata "riciclata" e incorporata in Red Faction[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Planet Descent, Planet Descent Volition Interview, Planet Descent, 2000. URL consultato il 9 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2007).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi