Rabi'a

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la mistica sufi, vedi Rābiʿa al-ʿAdawiyya.

Rabīʿa (in arabo: ربيعة‎) fu il preteso antenato di una delle due principali branche dei cosiddetti Arabi settentrionali, o adnaniti, mentre l'altra era nota come Mudar.

Secondo i genealogisti arabi classici, i principali gruppi che si riferivano ai Rabīʿa erano:

Come il resto degli Arabi adnaniti, si vuole che l'originaria patria dei Rabi`a sia stata la Tihamah,[1] dalla quale poi Rabi`a emigrò verso nord ed est. Gli ʿAbd al-Qays s'insediarono nelle regioni più orientali del Bahrain e divennero in massima parte sedentari.

I Bakr trovarono nuovi territori nella Mesopotamia. La maggior parte di loro erano beduini, ma una potente e autonoma sotto-tribù dei Bakr andò a risiedere nella Yamama: i Banu Hanifa.

I Taghlib risiedettero lungo le sponde occidentali dell'Eufrate, e gli al-Namir si dice fossero i loro "clienti" (mawālī). Gli Anaz abitavano nell'Arabia meridionale e si dice fossero stati decimati dalla peste nel XIII secolo, sebbene una tribù chiamata "Rabīʿa" (oggi nell''Asir si dice ne costituisca la discendenza.

Gli Banu 'Anaza erano divisi i un gruppo sedentarizzato nella Yamama meridionale e in un gruppo beduino più a nord.

Gli ʿAbd al-Qays, i Taghlib, gli al-Namir e alcune sezioni dei Bakr erano stati cristiani in buona parte prima della comparsa dell'Islam. Solo i Taghlib rimasero fedeli al loro credo religioso per un certo periodo, dopo l'affermazione della fede islamica in Arabia. Gli ʿAnaza e i Bakr si dice avessero precedentemente adorato l'idolo che portava il nome di al-Saʿīr (o Suʿayr).

I Rabīʿa in Egitto e Sudan[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo abbaside, numerosi componenti dei Banū Ḥanīfa e i connessi membri di vari clan dei Bakr ibn Wa'il emigrarono dalla al-Yamama nell'Egitto meridionale, dove essi controllarono le locali miniere d'oro del Wadi al-Allaqi, vicino Aswan. In Egitto costoro si facevano chiamare col nome collettivo di "Rabīʿa" e dettero vita a matrimoni misti con le tribù locali, come i Beja. Tra i loro discendenti figura la tribù dei Banu Kanz (anche nota come Kunūz), che presero il loro nome da Kanz al-Dawla dei Banu Hanifa, capo dei Rabīʿa in Egitto durante il periodo fatimide.

Discendenti[modifica | modifica wikitesto]

Molti dei discendenti dei Rabīʿa sono, e furono, governanti degli Stati arabi del Golfo Persico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Al-Bakri, Muʿjam mā istaʿjam, vol. 1, p. 87