Pusa sibirica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pusa sibirica
Baikal seal 200507 hakone japan.JPG
Foca del Bajkal
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Superfamiglia Pinnipedia
Famiglia Phocidae
Genere Pusa
Specie P. sibirica
Nomenclatura binomiale
Pusa sibirica
Gmelin, 1788
Sinonimi

Phoca sibirica

Nomi comuni

Foca del Bajkal, Nerpa

Areale

Piantinalagobaikal.jpg

La foca del Bajkal o nerpa (Pusa sibirica) è un focide endemico del grande Lago Bajkal in Siberia. È uno dei pinnipedi più piccoli al mondo e anche il più longevo, potendo vivere fino a 50 anni.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La foca del Bajkal è lunga circa 130/140 centimetri e pesa fino a 70 chili; i maschi sono leggermente più grandi.

La pelliccia dell'animale ha un colore che varia di tonalità tra il nero e il bianco, grigio scuro nella parte superiore e grigio chiaro in quella inferiore; il colore è diversamente distribuito sul corpo da esemplare a esemplare.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La foca del Bajkal è endemica del lago da cui prende il nome; non è noto come abbia fatto a raggiungere il lago, situato nell'entroterra del continente asiatico, a duemila chilometri dall'Artico dove vivono i suoi più stretti parenti. Un'ipotesi è che in passato esistesse una qualche via di comunicazione tra il lago e l'Artico; altri invece ipotizzano che la nerpa faccia parte della fauna del Terziario.[1]

La caccia di frodo (per la carne e la pelliccia) e l'inquinamento del Bajkal costituiscono un serio pericolo per la sopravvivenza di questo animale; nel 1994 si contanavano circa 104.000 esemplari (dato reso pubblico dal governo russo), numero che già nel 2000, secondo Greenpeace, era sceso a 55-65.000.[2]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Un gruppo di foche nelle quali si riconosce il peculiare colore del pelo

La foca del Bajkal trascorre gran parte del suo tempo immersa; può stare in apnea per periodi fino a 70 minuti, grazie alla grande quantità di ossigeno presente nel lago e alla grande quantità di sangue.[2] In inverno, quando la superficie del lago gela, riesce a rompere il ghiaccio superficiale per avere vie di fuga in caso di pericolo o anche semplicemente per respirare.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di pesci e invertebrati. La sua dieta è composta principalmente da pesci dei generi Comephorus (golomyanka, endemismo del Lago) e Cottocomephorus; la maggior parte dei pesci dei quali si nutre non sono economicamente importanti per l'uomo. Le foche si nutrono principalmente durante la notte quando i pesci si avvicinano maggiormente alla superficie.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La riproduzione avviene in acqua, dopo che il cucciolo è svezzato, generalmente verso maggio. La gestazione dura circa nove mesi e i cucciolo nascono quando il lago è ancora ghiacciato tra febbraio e marzo. Di solito nasce soltanto un esemplare ma i gemelli non sono rari; se entrambi i gemelli sopravvivono allo svezzamento rimangono insieme per un breve periodo prima di separarsi. Appena nati i cuccioli pesano poco più di un cucciolo di uomo: circa 4,5 kg e sono lunghi circa 65/70 centimetri. Sono ricoperti di un soffice pelo lungo e bianco che dura le prime 6 settimane dopodiché viene sostituito dal pelo classico della specie. I cuccioli vengono nutriti dalla madre per i primi 2 mesi di vita, tranne nel sud del lago dove il ghiaccio si scioglie prima e i cuccioli rimangono più piccoli rispetto a quelli nati a nord. Le femmine tendono a raggiungere la maturità sessuale a 3 - 6 anni ed ai maschi a 4 - 7 anni. Circa l'88% delle femmine ogni anno ha un cucciolo fino ai 30 anni.[3]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.ilmanifesto.it/terraterra/archivio/2000/Dicembre/3b28968ed1f60.html Il manifesto.it
  2. ^ a b http://animal.discovery.com/news/afp/20030825/nerpas.html/ Animal planet (in inglese)
  3. ^ http://animaldiversity.ummz.umich.edu/site/accounts/information/Pusa_sibirica.html/ Animaldiversity (in inglese)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]