Pteropus caniceps

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante dalla testa cinerina
Immagine di Pteropus caniceps mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. caniceps
Nomenclatura binomiale
Pteropus caniceps
Gray, 1870
Sinonimi

P.affinis, P.dobsoni, P.fuscus, P.macklotii var. batchiana

Areale

Distribution of Pteropus caniceps.png

La volpe volante dalla testa cinerina (Pteropus caniceps Gray, 1870) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico delle Isole Molucche.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo fino a 213,6 mm, la lunghezza dell’avambraccio tra 135 e 141,1 mm, la lunghezza del piede tra 45,5 e 50 mm, la lunghezza delle orecchie di 30,3 mm e un peso fino a 610 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta e setosa. Le parti dorsali sono bruno-rossastre o marroni scure cosparse densamente di peli argentati, la testa e le spalle sono giallo-brunastre con la base dei peli marrone scura, mentre le parti ventrali sono brunastre. Il muso è lungo e affusolato, gli occhi sono grandi. Le orecchie sono lunghe, strette e con l'estremità appuntita. La tibia è priva di peli. Le membrane alari sono attaccate lungo i fianchi del corpo. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ridotto ad una sottile membrana lungo la parte interna degli arti inferiori.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in coppie nelle cavità degli alberi. Sembra non essere dipendente dalle superfici d’acqua.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Sono state registrate nascite di piccoli durante il mese di novembre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è limitata alle isole di Halmahera, Ternate, Tidore, Kayoa e Bacan nell'arcipelago delle Isole Molucche settentrionali.

Vive in ambienti sia primari che disturbati fino a 1.630 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[4], P. caniceps appartiene come unica specie allo P. caniceps species Group. Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere il cranio tipicamente pteropino, sulla presenza di un ripiano basale nei premolari e sulle orecchie allungate.

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. conspicillatus, P. hypomelanus e P. personatus .

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Pteropus dobsoni (Andersen, 1909), è basato su un unico esemplare depositato presso il Natural History Museum di Londra ed acquistato nella metà dell’800 da G.A.Frank, con associata un'etichetta che indica come presunta località di provenienza "Celebes" (l'odierna isola di Sulawesi). Tuttavia nessun altro esemplare è stato raccolto sull’isola indonesiana fino ad oggi, ed anche una serie proveniente dall’isola di Peleng risulta di dubbia assegnazione.[5]

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerata la ristrettezza del suo areale, la perdita progressiva del suo Habitat e la caccia, classifica P. caniceps come specie prossima alla minaccia (NT).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Hutson, A.M. & Helgen, K. 2008, Pteropus caniceps su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus caniceps in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, p. 251
  4. ^ Andersen, 1912, p. 94
  5. ^ Wim Bergmans and F.G. Rozendaal, Notes on collections of Fruit Bats from Sulawesi and some off-lying Islands (Mammalia, Megachiroptera) in Zool. Verh. Leiden, vol. 248, 1988.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi