Prato rasato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prato rasato

Il prato rasato[1] è una tipologia di prato che si trova presso abitazioni, parchi e impianti sportivi. Si distingue dal prato in senso generico per essere ben curato e costantemente rasato con un tagliaerba.

Nomenclatura[modifica | modifica wikitesto]

Comunemente in italiano non si distingue, come in inglese, tra un prato selvatico (meadow) e un prato curato artificialmente (lawn), e si chiamano entrambi semplicemente prato. Inoltre si categorizza talvolta l'intera gamma dei prati rasati col termine di prato all'inglese, quando questo è una particolare tipologia di prato erboso.

Tipi di prato[modifica | modifica wikitesto]

Prato all'inglese

Prato rustico[modifica | modifica wikitesto]

Costituito da grande rusticità, è usato per stabilizzare le rive dei fiumi e inverdire le piste da sci. È adatto in situazioni dove si richiede poca manutenzione.

Prato ornamentale[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato presso giardini pubblici e spazi verdi privati. Deve essere molto resistente al calpestamento.

Prato sportivo[modifica | modifica wikitesto]

È un prato molto fitto e uniforme usato nei campi da gioco (calcio, golf ecc.). Occorrono specie dalla foglia molto sottile, che permettano una perfetta rasatura.

Prato all'inglese[modifica | modifica wikitesto]

Prato costituito da una sola specie di erba: richiede molta attenzione, irrigazione costante (più facile in climi senza periodo di siccità estiva) ed è soggetto ad attacchi di erbe infestanti.

Tipi di erba utilizzati[modifica | modifica wikitesto]

Si utilizzano perlopiù graminacee appartenenti ai generi Agrostis, Cynodon, Poa, Festuca, Lolium, Paspalum, Pennisetum, Stenotaphrum, Zoysia, oltre alla Dichondra delle Convolvulacee. La scelta dell'erba è importante soprattutto in relazione alla tipologia climatica (e microclimatica) nella quale si trova il prato da allestire. Le erbe si distinguono in microterme e macroterme che si differenziano per le differenti condizioni con le quali crescono le radici (10–19 °C nel primo caso, 23–32 °C nel secondo). Altre caratteristiche importanti sono l'uniformità di crescita, la resistenza al calpestamento e la rapidità di sviluppo. Spesso si mescolano più tipi di erba per avere più resistenza al clima con estate calda e secca (mediterraneo o submediterraneo) e ai parassiti.

Semina[modifica | modifica wikitesto]

È consigliato il periodo primaverile; nel periodo autunnale si possono avere buoni risultati non spingendosi troppo oltre ottobre, mentre per quanto riguarda l'estate (escludendo le specie microterme che arrestano la crescita a 30 °C) si dovrà porre attenzione con annaffiature frequenti, specie nelle regioni con periodo secco estivo.

Rasatura[modifica | modifica wikitesto]

Il prato andrebbe rasato ogni settimana, massimo quindici giorni, durante tutto il periodo di vegetazione (primavera–autunno).

Esiste una pratica (in inglese Mulching) di riciclaggio, che consiste nel sminuzzare l’erba con il tosaerba e di non raccoglierla nel cestello, ma di lasciarla sul prato come fertilizzante. Ciò risulta particolarmente utile per i prati di ampie dimensioni.

Prato in zolle o rotoli[modifica | modifica wikitesto]

Zolle di prato

Recentemente si è diffuso anche in Italia l'uso del prato a zolle o a rotoli (o pellicce), che permette di avere un prato rasato omogeneo anche nelle condizioni più sfavorevoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Hazon, Grande dizionario Hazon Garzanti inglese–italiano italiano–inglese, 30a, Milano, Garzanti, 1982 [1961]. L'Hazon traduce così l'inglese lawn, riservando "prato" per meadow.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]