Postulato di Planck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il postulato di Planck rappresenta uno dei primi postulati della meccanica quantistica, volto a giustificare la quantizzazione dei livelli energetici di un corpo nero (al cui interno i fotoni risonanti possono essere visti come un insieme statistico di oscillatori armonici quantistici), recita:

Qualsiasi grandezza fisica con un grado di libertà la cui “coordinata” è una funzione sinusoidale del tempo può possedere solo energie totali E tali che sia soddisfatta la relazione

E=nh\nu\,,

dove \nu è la frequenza di oscillazione della grandezza fisica nel tempo, h è la costante di Planck ed n è un numero intero non negativo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]