Poposauridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Poposauridae
Poposaurus gracilis.jpg
Poposaurus gracilis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
(clade) Archosauria
Ordine Rauisuchia
Superfamiglia Poposauroidea
Famiglia Poposauridae

I poposauridi (Poposauridae) erano grandi rettili arcosauri carnivori, ora estinti. Vissero nel Triassico medio e superiore (circa 225 – 215 milioni di anni fa); i loro resti sono stati ritrovati principalmente in Nordamerica ed Europa.

Antenati del tirannosauro?[modifica | modifica wikitesto]

Questi grandi predatori erano imparentati con i crocodilomorfi (Crocodylomorpha), ma i fossili mostrano una straordinaria somiglianza con i dinosauri teropodi, in particolare con i famosi Allosaurus e Tyrannosaurus. In particolare il paleontologo Sankar Chatterjee, che negli anni ’80 studiò la specie Postosuchus kirkpatricki, ipotizzò che questi animali potessero essere i diretti antenati dei tirannosauri e dei loro parenti. Questa convinzione, basata soprattutto sulle somiglianze dei crani e delle ossa pelviche, è stata comunque rifiutata dalla maggior parte dei paleontologi.

Le ossa di polsi e caviglie, infatti, denotano i poposauridi come appartenenti ai crurotarsi, ovvero quel gruppo di arcosauri di cui fanno parte anche i coccodrilli. Quello che sembra più probabile, quindi, è che i poposauridi fossero un esempio di evoluzione parallela (l’evolversi dello stesso tipo di creature per riempire la medesima nicchia ecologica). In questo modo i poposauri risulterebbero una sorta di “anteprima” dell’archetipo del grande predatore proposto successivamente dai grandi dinosauri carnivori.

Diversificazione[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al già citato Postosuchus, i poposauridi comprendevano anche l’europeo Teratosaurus, descritto originariamente come un dinosauro teropode, e Poposaurus, noto per resti incompleti. Le recenti classificazioni, comunque, mettono in dubbio l'appartenenza di Postosuchus e Teratosaurus a questa famiglia: i due generi potrebbero essere dei rappresentanti dell'affine famiglia dei rauisuchidi (Rauisuchidae). In ogni caso, il più antico poposauride noto è Bromsgroveia walkeri, del Triassico medio dell'Inghilterra. Un'altra forma ascritta ai poposauridi è Arizonasaurus babbitti, dotato di lunghe vertebre dorsali che in vita sorreggevano una "vela" simile a quella del pelicosauro Dimetrodon e del dinosauro Spinosaurus. La sottofamiglia Chatterjeeinae, che comprende Shuvosaurus, Effigia e Sillosuchus, potrebbe essere un'ulteriore evoluzione di questa famiglia, dalle caratteristiche insolite: erano arcosauri bipedi, dal collo lungo e sprovvisti di denti.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Galton, P. M., 1985, The poposaurid thecodontian Teratosaurus suevicus von Meyer, plus referred specimens mostly based on prosauropod dinosaurs. Stuttgarter Beitrage zur Naturkunde, B, v. 116, p. 1-29.
  • ----- and Alick D. Walker, 1996. Bromsgroveia from the Middle Triassic of England, the earliest record of a poposaurid thecodontian reptile (Archosauria: Rauisuchia). N. Jb. Geol. Palaont. Abh, 201, Number 3 : 303-325.
  • Long, R. A., and Murry, P A., 1995, Late Triassic (Carnian and Norian) Tetrapods from the Southwestern United States: New Mexico Museum of Natural History & Science, A Division of the Office of Cultural Affairs, Bulletin 4, p. 1-254.
  • Lucas, SG (1998), Global Triassic tetrapod biostratigraphy and biochronology. Palaeogeog. Palaeoclimatol., Palaeoecol. 143: 347-384.
  • Nesbitt, S. (2007). "The anatomy of Effigia okeeffeae (Archosauria, Suchia), theropod-like convergance, and the distribution of related taxa." Bulletin of the American Museum of Natural History, 302: 84 pp.
  • Parrish, JM (1993), Phylogeny of the Crocodylotarsi, with reference to archosaurian and crurotarsan monophyly. J. Vert. Paleontol. 13: 287-308.
  • Sereno, P. C. 2005. Stem Archosauria—TaxonSearch [version 1.0, 2005 November 7]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]