Ponte dei Sospiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte dei Sospiri
Venezia - Ponte dei Sospiri.JPG
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Venezia
Attraversa Rio di Palazzo
Coordinate 45°26′02.22″N 12°20′27.24″E / 45.43395°N 12.3409°E45.43395; 12.3409Coordinate: 45°26′02.22″N 12°20′27.24″E / 45.43395°N 12.3409°E45.43395; 12.3409
Dati tecnici
Tipo Ponte ad arco
Materiale pietra d'Istria
Lunghezza 11 m
Realizzazione
Progettista Antonio Contin
Costruzione 1600-1603
Mappa di localizzazione

Il ponte dei Sospiri è uno dei ponti più celebri di Venezia.

Descrizione e storia[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte dei Sospiri è costruito in pietra d'Istria, stile barocco, e fu realizzato agli inizi del XVII secolo su progetto dell'architetto Antonio Contin, figlio di Bernardino Contin e nipote di Antonio Da Ponte: il costruttore del ponte di Rialto, per ordine del doge Marino Grimani, il cui stemma vi è scolpito.[senza fonte]

Questo caratteristico ponte di Venezia, situato a poca distanza da piazza San Marco, scavalca il rio di Palazzo collegando con un doppio passaggio il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove, il primo edificio al mondo costruito per essere appositamente una prigione[senza fonte]. Serviva da passaggio per i reclusi dalle suddette prigioni agli uffici degli Inquisitori di Stato per essere giudicati.[1]

Conosciuto in tutto il mondo, è fotografato dai turisti provenienti da ogni dove, dai soli due posti dai quali è osservabile, cioè dal ponte della Canonica e dal ponte della Paglia. {{citazione necessaria|Gli è stato attribuito questo nome perché la tradizione vuole che, ai tempi della Serenissima, i prigionieri, attraversandolo, sospirassero davanti alla prospettiva di vedere per l'ultima volta il mondo esterno.[2]

Ponti dei Sospiri nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Esistono alcune strutture denominate ponte dei Sospiri sia a Cambridge che a Oxford, in Inghilterra. La prima appartiene al college universitario St. John's, la seconda, che curiosamente richiama in modo più significativo il ponte di Rialto, appartiene al college Hertford. Inoltre, nel distretto di Barranco, in Lima, (capitale del Perù), si ammira un "puente de los Suspiros", punto emblematico di questo distretto ed uno dei luoghi più romantici della città.[senza fonte]

Anche a New York ne esiste una copia, o, per meglio dire, una "citazione modernizzata", che serve da collegamento tra due edifici del complesso della Metropolitan Life Insurance Company Tower, grattacielo dichiaratamente ispirato al campanile di San Marco.[3]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Venezia, p. 209
  2. ^ Sospiro, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 12 giugno 2017.
  3. ^ Venezia, p. 210

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Venezia, Touring Club Italiano, Milano 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN296136467