Rio di Palazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rio di Palazzo
Ponte dei Sospiri Ponte de la Canonica a Venezia.jpg
Veduta del Rio di Palazzo verso il ponte dei Sospiri
Parte di Laguna Veneta
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Provincia Venezia Venezia
Comune Venezia-Stemma.png Venezia
Coordinate 45°26′02.4″N 12°20′27.24″E / 45.434°N 12.3409°E45.434; 12.3409Coordinate: 45°26′02.4″N 12°20′27.24″E / 45.434°N 12.3409°E45.434; 12.3409
Dimensioni
Lunghezza 0,280 km
Larghezza 0,012 km
Idrografia
Isole Venezia
Mappa di localizzazione: Venezia
Rio di Palazzo
Rio di Palazzo
Rii di San Marco.png
Carta dei rii del sestiere di San Marco

Il rio di Palazzo o rio della Canonica è una via d'acqua di Venezia, confine tra i sestieri di Castello e San Marco.

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

Il rio di Palazzo segna per un lungo tratto il confine tra i sestieri di Castello e San Marco; sbocca a sud nel Bacino di San Marco passando sotto al ponte della Paglia, tra il Palazzo Ducale e le Prigioni Nuove, separando il Molo di Palazzo Ducale dalla riva degli Schiavoni; confluisce a nord nel Rio del Mondo Nuovo (che lambisce Palazzo Querini Stampalia) e nel Rio di San Zulian.

Architetture[modifica | modifica wikitesto]

Su questa via d'acqua si affacciano palazzi sia del sestiere di San Marco sia Palazzi siti nel sestiere di Castello. Edifici principali della sponda orientale sono Palazzo Soranzo dell'Angelo, caratterizzato da una commistione tra forme gotiche e rinascimentali[1] ma noto soprattutto per la strana leggenda che lo coinvolge,[2] Palazzo Foscarini, Palazzo Trevisan Cappello, un tempo residenza di Bianca Cappello,[3] il Museo diocesano d'arte sacra Sant'Apollonia e il Palazzo delle Prigioni Nuove. Edifici principali della sponda occidentali sono il Palazzo Ducale e Palazzo Patriarcale. Tale rio è solcato da più ponti, denominati della Paglia e dei Sospiri, della Canonica, dei Consorzi e del Remedio, questi ultimi due privati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jan-Christoph Rößler (a cura di), Palazzo Soranzo dell'Angelo, su venezia.jc-r.net.
  2. ^ Brusegan, p. 340.
  3. ^ Brusegan, p. 347-349.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]