Pleurotus ostreatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Pleurotus ostreatus
Pleurotus ostreatus 1.JPG
Pleurotus ostreatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Pleurotaceae
Genere Pleurotus
Specie P. ostreatus
Nomenclatura binomiale
Pleurotus ostreatus
(Jacq.) P. Kumm., 1871
Pleurotus ostreatus
Caratteristiche morfologiche
Cappello
convesso Convex cap icon.svg
Imenio
Lamelle
decorrenti Decurrent gills icon2.svg
Sporata
bianca White spore print icon.png
Velo
nudo Bare stipe icon.png
Ecologia
Commestibilità
commestibile Foodlogo.svg

Pleurotus ostreatus (Jacq.) P. Kumm., Führer Pilzk. (Zwickau): 24, 104 (1871).

Si tratta di una delle specie fungine più coltivate e conosciute nel mondo; in Italia è molto comune e viene denominata orecchione, fungo ostrica e talvolta "sbrisa".

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Esemplari adulti di ostreatus

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Allo stadio iniziale di crescita assume una forma convessa, intimamente unito ad altri cappelli che gli crescono attorno; successivamente una forma di ostrica o di ventaglio, spesso cespitoso, imbricato con altri cappelli, a volte numerosi.
Il colore varia da bruno-violaceo, bruno-rossiccio o grigio-biancastro; il margine è involuto, liscio, ma a maturità tende ad appianarsi con andamento gibboso-lobato, presentando anche delle fratture.
Il diametro può misurare da 5 a 25 cm.

Cuticola
liscia, sericea, ma diventa decisamente vischiosa con il tempo umido.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Fitte, strette, intercalate da lamellule, lungamente decorrenti sul gambo, di colore da bianco a bianco-crema o grigiastre.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Laterale od eccentrico, irregolarmente cilindrico, talvolta assai corto, assottigliato alla base, assume spesso un aspetto fusiforme; di colore bianco o biancastro, ricoperto più o meno fittamente di pruina di colore grigiastre o bruno-grigiastre; alto 2–6 cm e spesso 1–2 cm.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Bianche in massa, cilindriche, lisce, 8-12 x 3-4 µm.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Molto compatta, soda, bianca.

  • Odore: forte, di farina fresca o di rosa
  • Sapore: dolciastro, molto gradevole, più aromatico ed intenso negli esemplari spontanei piuttosto che in quelli coltivati.

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

È un fungo carnivoro poiché il micelio può uccidere e digerire nematodi, e supplire in questo modo al fabbisogno del fungo in azoto.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Foodlogo.png Eccellente, specialmente se il fungo viene cotto alla graticola, gastronomicamente molto versatile.
Si presta molto bene alla coltivazione.

Proprietà terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

Nuvola apps important.svg Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Secondo studi scientifici il P. ostreatus contiene dei principi attivi che avrebbero un effetto antinfiammatorio, antiaggregante piastrinico, antiossidante [1] [2], ipocolesterolemizzante e stimolante del sistema immunitario.

Tra queste sostanze, le più importanti sono:

  • la lovastatina, capostipite della categoria delle statine, molecole con attività ipocolesterolemizzante [3]
  • i beta-glucani, che hanno un potente effetto antinfiammatorio [8], antidolorifici e antibiotici ad ampio spettro [9] [10]
  • gli alfa-glucani, che insieme ai beta-glucani nutrono i fermenti lattici
  • il citocromo P-450, famiglia di enzimi del fegato che rappresenta il principale meccanismo di detossificazione dell’organismo dagli agenti esterni e interni [11]

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce su vecchie ceppaie, su tronchi vivi di latifoglie (gelsi, pioppi, ecc.); fruttifica dall'autunno alla primavera successiva e anche in inverni miti.

Illustrazione di P. ostreatus
Coltivazione del P. ostreatus
Esemplare coltivato: in evidenza la forma di guscio d'ostrica

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Genere: dal greco pleurón = di fianco e oûs, otós = orecchio, con l'orecchio (il cappello) a fianco, per la forma del carpoforo.
  • Specie: dal latino ostrea = ostrica, per la somiglianza del suo cappello al guscio di un'ostrica

Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

  • Cerrena
  • Orecchietta
  • Orecchione
  • Recchia
  • Gelone
  • Sbrise
  • Cerlengo
  • Pennella
  • Melina
  • Minina
  • Garganella
  • Bortolana[senza fonte]

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agaricus opuntiae Durieu & Lév., in Bory de St. Vincent & Durieu de Maisonneuve, Atlas de la Flore d'Algérie ou Illustrations d'un Grand Nombre de Plantes Nouvelles ou Rares de ce Pays, Botanique (Paris): 15 + pl. 32, fig. 1 (1850)
  • Agaricus ostreatus Jacq., Fl. austriac. 2: 3 (1774)
  • Agaricus revolutus J.J. Kickx, Fl. Crypt. Flandres 1: 158 (1867)
  • Agaricus salignus Pers., Synopsis Methodica Fungorum (Göttingen): 478 (1801)
  • Crepidopus ostreatus (Jacq.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 616 (1821)
  • Crepidopus ostreatus ß atroalbus Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 616 (1821)
  • Dendrosarcus ostreatus (Jacq.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3: 463 (1898)
  • Panellus opuntiae (Durieu & Lév.) Z.S. Bi, in Bi, Zheng & Li, Acta Mycologica Sinica, Supplement 1: 286 (1987) [1986]
  • Pleurotus opuntiae (Durieu & Lév.) Sacc., Sylloge fungorum (Abellini) 5: 363 (1887)
  • Pleurotus ostreatus f. salignus (Pers.) Pilát, Atlas des Champignons de l'Europe, II: Pleurotus *Fries: 119 (1935)
  • Pleurotus ostreatus subsp. opuntiae (Lév.) A. Ortega & Vizoso, Documents Mycologiques 22(no. 86): 35 (1992)
  • Pleurotus pulmonarius sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Pleurotus revolutus (J. Kickx f.) Gillet, Hyménomycètes de France: 347 (1874)
  • Pleurotus salignus (Schrad.) P. Kumm., Führer Pilzk.: 105 (1871)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jayakumar T, Ramesh E, Geraldine P. (2006): “Antioxidant activity of the oyster mushroom, Pleurotus ostreatus, on CCl4-induced liver injury in rats.” Food Chem Toxicol, 44: 1989-96.
  2. ^ Jayakumar T, Thomas PA, Ramesh E, Geraldine P. (2010): “An extract of the Pleurotus ostreatus mushroom bolsters the glutathione redox system in various organs of aged rats.” Journal of medicinal food, 13(4): 771-778.
  3. ^ J. Alarcón, S. Aguila, Lovastatin production by Pleurotus ostreatus: effects of the C:N ratio., in Z Naturforsch C, vol. 61, n. 1-2, pp. 95-8, PMID 16610224.
  4. ^ Synytsya A, Míčková K, Synytsya A, Jablonský I, Spěváček J, Erban V, Čopíková J. (2009): “Glucans from fruit bodies of cultivated mushrooms Pleurotus ostreatus and Pleurotus eryngii: Structure and potential prebiotic activity.” Carbohydrate Polymers, 76(4): 548-556
  5. ^ P. Bobek, M. Hromadová; L. Ozdín, Oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) reduces the activity of 3-hydroxy-3-methylglutaryl CoA reductase in rat liver microsomes., in Experientia, vol. 51, n. 6, giugno 1995, pp. 589-91, PMID 7607302.
  6. ^ DI. Abrams, P. Couey; SB. Shade; ME. Kelly; N. Kamanu-Elias; P. Stamets, Antihyperlipidemic Effects of Pleurotus Ostreatus (Oyster Mushrooms) in HIV-Infected Individuals Taking Antiretroviral Therapy., in BMC Complement Altern Med, vol. 11, n. 1, agosto 2011, p. 60, DOI:10.1186/1472-6882-11-60, PMID 21831304.
  7. ^ N. Gunde-Cimerman, A. Plemenitas; A. Cimerman, Pleurotus fungi produce mevinolin, an inhibitor of HMG CoA reductase., in FEMS Microbiol Lett, vol. 113, n. 3, novembre 1993, pp. 333-7, PMID 8270199.
  8. ^ Nosal’ova V, Bobek P, Cerna S, Galbavý S, Stvrtina S. (2001): “Effects of pleuran (beta-glucan isolated from Pleurotus ostreatus) on experimental colitis in rats.” Physiological research/Academia Scientiarum Bohemoslovaca, 50(6): 575-581.
  9. ^ Bergendiova K, Tibenska E, Majtan J. (2011): “Pleuran (β-glucan from Pleurotus ostreatus) supplementation, cellular immune response and respiratory tract infections in athletes.” European journal of applied physiology, 111(9): 2033.
  10. ^ Iwalokun BA, Usen UA, Otunba AA, Olukoya DK. (2007): “Comparative phytochemical evaluation, antimicrobial and antioxidant properties of Pleurotus ostreatus.” African Journal of Biotechnology, 6(15): 1732-1739
  11. ^ Bobek P, Galbavý S. (1999): “Hypocholesterolemic and antiatherogenic effect of oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) in rabbits.” Nahrung, Oct. 43(5): 339-42.
  12. ^ Chirinang P, Intarapichet KO. (2009): “Amino acids and antioxidant properties of the oyster mushrooms, Pleurotus ostreatus and Pleurotus sajorcaju.” Science Asia, 35: 326-331.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85103515 · GND (DE4136836-8 · J9U (ENHE987007555697105171 · NDL (ENJA00563245
  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia