Plebiscito cileno del 1988

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il plebiscito cileno del 1988 fu un plebiscito nazionale, previsto nella costituzione cilena del 1980, indetto in Cile il 5 ottobre 1988 per determinare se il popolo volesse conferire ad Augusto Pinochet un ulteriore mandato di 8 anni come presidente della Repubblica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nelle norme transitorie della Costituzione del 1980, entrata in vigore nel 1981, era stato stabilito che fosse effettuato il plebiscito al termine del primo mandato presidenziale. Il "Sì" confermava Pinochet, il "No" avrebbe portato a nuove elezioni. AL termine di una incerta campagna referendaria il "No" vinse con il 55.99% dei voti, ponendo fine a 15 anni di dittatura.

Risultati del referendum nazionale del 1988[modifica | modifica wikitesto]

Proposta (alternativa) Voti  %[1]
Voto «Sì» 3.119.110 44,01%
Voto «No» 3.967.569 55,99%
Totale voti validi 7.086.679
Voti nulli 94.594[2]
Voti in bianco 70.660[3]
Totale voti scrutinati 7.251.933[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sui voti validi.
  2. ^ 1,30% sul totale dei voti scrutinati.
  3. ^ 0,97% sul totale dei voti scrutinati.
  4. ^ Astensione: 177.461 (2,45% del bacino elettorale).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]