Pino Grioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pino Grioni (Castiglione d'Adda, 10 maggio 1932Milano, 30 luglio 2020[1]) è stato un pittore, scultore e ceramista italiano.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si diploma a Milano all'accademia Cimabue, in tutta la sua carriera ha all'attivo mostre personali e collettive in gran parte del mondo, oltre ad aver vinto vari premi e riconoscimenti.

Ha tenuto mostre personali in Italia e all'estero: al Duomo di Milano,[3] Lugano,[4] Caracas, Città del Messico; e mostre collettive in Suzzara, New York, Londra (come alla Università di Londra), oltre ad altre.

Alcune sue opere sono conservate alla chiesa di San Nicolao de la Flue e al Santuario di Nairobi in Kenya.[5] Tra i premi più importanti ricevuti ricordiamo: nel 1969 il premio "Grande medaglia d'oro del Senato", nel 1974 il premio a Montecatini Terme "Oscar delle nazioni", nel 1978 il premio La Madonnina e recentemente nel 2010 a Milano il premio "Isimbardi".[6]

La maggior pare delle sue ceramiche è tenuta presso le "Ceramiche di San Giorgio", a Albisola Mare.[7] Come sculture ha prodotte più di 20 sculture di altezza maggiore di 2 metri e più di 30 inferiori ai 2 metri di altezza.[8]

Dal 1969 al 1998 ha partecipato a manifestazioni, biennali e fiere a Francoforte, Gerusalemme, Barcellona.[6]

Medaglie[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980: "Medaglia donata al Papa Giovanni Paolo II durante l'incontro con i pittori" (Conio in Oro)[9]
  • 1986: "Medaglia ufficiale del VI centenario della fondazione del Duomo di Milano" (Conio Argento e Bronzo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.ilgiorno.it/cronaca/pino-grioni-morto-1.5376327] "ilgiorno.it", "1 agosto 2020"
  2. ^ Pino Grioni su sannicolao
  3. ^ Presentazione su nautilaus
  4. ^ Mostra personale di Pino Grioni su googlelibri
  5. ^ Grioni su artenework
  6. ^ a b Dal suo sito ufficiale Curriculum Artistico Archiviato il 15 maggio 2014 in Internet Archive. su grioni
  7. ^ Opuscolo Mostra Pino Grioni[collegamento interrotto] su castiglionedadda
  8. ^ La fabbrica dei sogni[collegamento interrotto] su solcomantova
  9. ^ Pino Grioni su nautilaus
Controllo di autoritàVIAF (EN64900460 · ISNI (EN0000 0000 1259 904X · WorldCat Identities (ENviaf-64900460