Pieve di San Giovanni Evangelista (San Giovanni alla Vena)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve di San Giovanni Evangelista
VicopisanoSanGiovanniallaVenaSanGiovanniEvangelista1.jpg
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàSan Giovanni alla Vena
ReligioneCattolica
Arcidiocesi Pisa
Consacrazione1593
Completamento1839
Sito webSito della parrocchia

Coordinate: 43°41′03.12″N 10°34′27.95″E / 43.6842°N 10.57443°E43.6842; 10.57443

La pieve di San Giovanni Evangelista si trova a San Giovanni alla Vena nel comune di Vicopisano.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La pieve battesimale è documentata dal 975, ma non si conosce l'anno della sua fondazione, che certamente è anteriore, ma si conosce la sua ubicazione che era nei pressi dell'attuale Provinciale Vicarese.

La chiesa venne totalmente riedificata nel 1590-93 nel luogo attuale dopo la distruzione della chiesa originaria, a seguito di una piena dell'Arno e per maggior sicurezza si volle ricostruirla più verso monte, nella posizione attuale. La piena aveva distrutto oltre alla chiesa, anche il campanile, il cimitero, la canonica e portò via tutte le terre e conseguentemente quasi tutta l'entrata della pieve.

L'edificio presenta una semplice facciata con tre portali e corpo a tre navate divise da pilastri; la copertura è a doppio spiovente. La chiesa ha cinque altari: l'altare Maggiore, l'altare del SS. Rosario, l'altare della Santa Vergine del Carmine, l'altare della Santissima Annunziata e l'altare di San Tommaso. All'interno della pieve si trovano una preziosa croce dipinta con Cristo e storie cristologiche attribuita al pisano Enrico di Tedice (metà del Duecento) che in precedenza era posta nell'altare del S.S. Rosario e nel 1723 trasferita presso la chiesa del Castellare, e sculture lignee (Angelo annunciante del XIV secolo e Santa Lucia del XV-XVI secolo). Nelle vicinanze della pieve l'oratorio di San Rocco che, come risulta dall'iscrizione nella facciata, venne costruito nel 1635 ed attualmente è destinato a magazzino. Sul fianco sinistro della chiesa s'innesta l'oratorio della Compagnia del Santissimo Sacramento, ora adibito a magazzino, sul cui fianco esterno spicca un rilievo marmoreo con l'Annunciazione, datato 1639 e dove sono conservati resti di affreschi con Santi datati tra il XVI e il XVII secolo.

Nei primi anni dell'Ottocento si pensò di ingrandire la pieve e lavori di ampliamento e di ristrutturazione furono eseguiti fra il 1828 e il 1839. Nel 1828 venne alzato il muro della navata destra, ma i lavori dovettero subito interrompersi per mancanza di fondi e ripresero solamente 10 anni dopo, nel 1838, grazie anche ad una cospicua somma di denaro (£ 1000) messa a disposizione dal Granduca Leopoldo II e venne aperta al culto nella notte di Natale del 1839, mentre i lavori di sistemazione terminarono nei primi mesi del 1840.[1]

La Pieve di San Giovanni Evangelista di Vicopisano in una vecchia immagine
La Pieve di San Giovanni Evangelista nel 2018

Elenco dei pievani[2][modifica | modifica wikitesto]

  • 1163 Prete Tebaldo
  • 1267 Prete Michele
  • 1292 Prete Iacopo
  • 1464 Prete Iacopo
  • 1468 Prete Francesco di Pescia
  • 1480 Prete Cesare
  • 1488 Prete Urbano
  • 1489 Prete Donato da Pescia
  • 1532 Prete Luca Castrucci Fiorentino
  • 1534 Prete Niccolao
  • 1563 Prete Lorenzo Poli da Volterra
  • 1569 Prete Giovanni da Arezzo
  • 1573 Prete Giovanni
  • 1574 Prete Iacopo Franceschini
  • 1578 Prete Tiberio Pippeschi di Pontedera
  • 1580 Prete Cesare Pampana Fiorentino
  • 1592 Prete Domenico Taccini
  • 1611 Prete Antonio Piemonti di Bientina
  • 1648 Prete Michelangelo Colombini
  • 1653 Prete Giuliano Bonanni di Barga
  • 1661 Prete Pier Andrea Peronzi di Pisa
  • 1663 Prete Filippo Nicola Pippeschi di Pontedera
  • 1709 Prete Giovanni Pietro Banti
  • 1715 Prete Giovanni Battista Frullani
  • 1737 Prete Bartolommeo Bachereti di Calcinaia
  • 1763 Prete Giuliano Frullani
  • 1784 Prete Vincenzo Del Rosso di Bientina
  • 1824 Prete Giovanni Frullani
  • 1855 Prete Giovanni Mostardi
  • 1875 Prete Orlando Orlandini di Castellina Marittima
  • 1894 Prete Cesare Meacci
  • 1901 Don Sante Tonissi
  • 1933 Don Vittorio Bagnoli
  • 1933 Don Ranieri Andreotti
  • 1939 Don Antonio Seraglini
  • 1946 Don Giuliano Raspolli
  • 1954 Don Giovanni Slavich
  • 1989 Don Giampaolo Manzin

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]