Phocoena sinus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Focena del Golfo di California
Vaquita6 Olson NOAA.jpg
Phocoena sinus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Cetacea
Sottordine Odontoceti
Famiglia Phocoenidae
Genere Phocoena
Specie P. sinus
Nomenclatura binomiale
Phocoena sinus
Norris e McFarland, 1958
Areale

Cetacea range map Vaquita.PNG

La focena del Golfo di California (Phocoena sinus) o vaquita è una rara specie di focena. È endemica della parte settentrionale del golfo della California (mare di Cortez). Le stime del numero degli individui rimasti variano tra i 100 ed i 300. Con la recente dichiarazione dell'estinzione di fatto del baiji (delfino dello Yangtze), è attualmente la specie di cetaceo più minacciata del mondo. Il termine "vaquita" è spagnolo e significa piccola vacca.

Descrizione fisica[modifica | modifica sorgente]

La focena del Golfo di California presenta la classica forma della focena (robusta e ricurva a forma concava quando viene vista di lato). È la più piccola delle focene ed è così uno dei cetacei più piccoli. Gli individui raggiungono i 150 centimetri di lunghezza e i 50 chilogrammi di peso. Hanno un grande anello nero intorno all'occhio e delle macchie sul labbro. La regione superiore del corpo va dal grigio medio al grigio scuro. Quella inferiore va dal bianco al grigio chiaro, ma la demarcazione sui fianchi è indistinta. Le natatoie sono in proporzione più grandi che in altre focene e la pinna è più bassa e più falcata. Il cranio è più piccolo e il rostro è più corto e più largo che in altri membri del genere.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive in lagune basse e scure situate lungo la costa e raramente la si avvista in acque più profonde di 30 metri; infatti, può sopravvivere in acque talmente basse che il dorso sporge dall'acqua. Altre caratteristiche del suo habitat sono una forte escursione tidale, forti processi di convezione ed una produttività primaria e secondaria.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Vi sono poche segnalazioni di questo cetaceo in natura. Sembra che nuoti e che si alimenti lentamente, ma è elusiva ed evita le imbarcazioni di ogni genere. Emerge per respirare con un movimento lento e in avanti, che smuove appena la superficie dell'acqua, poi scompare rapidamente per un lungo periodo. Ha un soffio non visibile, ma che provoca un rumore forte, secco e sbuffante che ricorda quello della focena comune.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Tutte e 17 le specie di pesci che sono state trovate negli stomaci della vaquita possono essere classificate come specie demersali o specie bentiche che abitano le acque relativamente basse del golfo della California superiore e sembra che in questa zona la vaquita sia una predatrice non selettiva di piccoli pesci e calamari.

Struttura sociale[modifica | modifica sorgente]

Come altre focene, anche P. sinus vive da sola o in piccoli gruppi, solitamente di 1-3, ma anche di 8-10 individui.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte dei piccoli nasce apparentemente in primavera. La gestazione è probabilmente di 10-11 mesi. La massima durata di vita registrata è stata di 21 anni.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La focena del Golfo di California non è mai stata cacciata direttamente. Infatti la loro costante esistenza è stata confermata solamente da uno studio effettuato nel 1985. Comunque sappiamo che la popolazione di vaquita sta declinando e che questo fatto è dovuto agli intrappolamenti nelle reti da pesca posizionate per catturare un'altra specie endemica del Golfo, il totoaba. Il CIRVA, la Commissione per il Recupero della Vaquita, nel 2000 arrivò alla conclusione che ogni anno rimangono uccisi in queste reti tra i 39 e gli 84 individui.

Viene classificata dalla IUCN e dalla Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie Minacciate di Fauna e Flora Selvatiche nella categoria più critica a rischio di estinzione. Allo scopo di cercare di impedire l'estinzione, il governo messicano ha creato una riserva naturale che ricopre la parte superiore del golfo della California e il delta del fiume Colorado. Il CIRVA sostiene che questa riserva ricopre tutta la parte meridionale dell'areale conosciuto della focena e che le reti da pesca sono bandite completamente dall'area protetta. Anche se il numero delle focene uccise dai pescatori si riducesse a zero, per i conservazionisti resterebbero ugualmente dei rischi. Anche l'uso di pesticidi clorinati, il flusso di acqua dolce del fiume Colorado ridotto a causa dell'irrigazione e la depressione dovuta all'inincrocio hanno effetti dannosi.

La focena del Golfo di California è tra le prime 100 specie EDGE, acronimo di "Evolutionarily Distinct, Globally Endangered" (Distinte evolutivamente, minacciate globalmente). Gli animali distinti evolutivamente non hanno alcun parente stretto e rappresentano più di altre specie la varietà dell'albero della vita, cosa che significa una priorità assoluta nelle campagne di conservazione.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  1. (EN) Rojas-Bracho, L., Reeves, R.R., Jaramillo-Legorreta, A. & Taylor, B.L. 2007, Phocoena sinus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. Whales, Dolphins and Porpoises, Carwardine, 1995, ISBN 0-7513-2781-6
  3. Aquarium Passport Book, Aquarium of the Pacific 2005
  4. Examining the risk of inbreeding depression in a naturally rare cetacean, the Vaquita, Taylor and Rojas-Bracho, Marine Mammal Science Vol 15. Pages 1004-1028.
Bibliografia generale
  • Preventing the extinction of a small population: Vaquita fishery mortality and mitigation strategies D'Agrosa, Lennert and Vidal. Conservational Biology vol 14. pages 1110-1119
  • National Audubon Society: Guide to Marine Mammals of the World, Reeves et al 2002, ISBN 0-375-41141-0
  • Convention on Migratory Species

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Conservation of the vaquita, (2006), Rojas-Bracho et al, Mammal Review, 36:3, Pg 179. On-line at Blackwell Synergy - Retrieved July 22, 2007
  • Evolutionarily Distinct and Globally Endangered species: Vaquita
mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi