Totoaba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Totoaba macdonaldi
Tanques de totoaba en la Universidad Autónoma de Baja California.jpg
Totoaba in una piscina dell'università della California
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Sciaenidae
Genere Totoaba
Specie T. macdonaldi
Sinonimi

Cynoscion macdonaldi

Il totoaba o totuava (Totoaba macdonaldi) è un pesce marino, il più grande membro della famiglia degli Sciaenidae,[2] che vive principalmente nel Golfo di California in Messico. In precedenza abbondante e oggetto di una pesca intensiva, il Totoaba è diventato raro ed è quotato al CITES[3] (la Lista Rossa IUCN delle specie minacciate)[4] e all'Endangered Species Act (ESA). Questo pesce è molto consumato in Cina, dove viene usato nella medicina tradizionale locale per le sue presunte proprietà contro le emorragie.[5] Inoltre viene chiamato anche la "cocaina acquatica" ed è oggetto di pesca di frodo.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Totoaba, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) NOAA Fisheries, Protecting Marine Life | NOAA Fisheries, su NOAA, 5 maggio 2017. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) Totoaba macdonaldi summary page, su FishBase. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  4. ^ The IUCN Red List of Threatened Species, su IUCN Red List of Threatened Species. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  5. ^ (EN) Jeremy Hance, China's craze for 'aquatic cocaine' is pushing two species into oblivion, in The Guardian, 11 gennaio 2016. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  6. ^ 'Cocaina acquatica': il rimedio naturale cinese che sta portando due specie marine all’estinzione, su GreenMe.it, 12 gennaio 2016. URL consultato il 23 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]