Peteinosaurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Peteinosaurus
Peteinosaurus zambellii.JPG
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Ordine Pterosauria
Sottordine Rhamphorhynchoidea
Famiglia Dimorphodontidae
Genere Peteinosaurus
Specie
  • Peteinosaurus zambellii

Il Peteinosauro (Peteinosaurus) è stato uno dei più antichi rettili volanti.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Peteinosaurus è attribuito alla famiglia Dimorfodontidi dell'ordine degli Pterosauri.

A oggi questo genere comprende la sola specie Peteinosaurus zambellii descritta per la prima volta nel 1978.

Ritrovamenti[modifica | modifica wikitesto]

I fossili di Peteinosaurus risalgono al Triassico superiore (circa 215 milioni di anni fa) e sono contemporanei dei primissimi dinosauri.

Sono stati ritrovati fossili di questa specie in particolare a Cene in provincia di Bergamo. In questa località negli anni '70 sono stati ritrovati numerosissimi fossili in prevalenza Pesci ed altri animali acquatici, in questa località è stato aperto il Parco Paleontologico di Cene. La scoperta del sito è avventa casualmente a seguito del franamento di strati rocciosi in una piccola cava di pietre da costruzione. Don Antonio Canova, appassionato di paleontologia, notò strane forme su alcuni frammenti e si rivolse a Rocco Zambelli (a quel tempo responsabile del settore geo-paleontologico del Museo di scienze naturali di Bergamo). A studiare parte dei numerosissimi reperti (pesci, rettili, pterosauri, crostacei) furono chiamati vari specialisti tra cui: il tedesco Rupert Wild, Andrea Tintori, Silvio Renesto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I peteinosauri erano animali non molto grandi, dotati di ossa leggere. Le ali erano costituite da una membrana di pelle tesa tra un dito allungato delle zampe anteriori e le zampe posteriori. La coda lunga e diritta serviva per manovrare il volo.

I peteinosauri sono stati i primi rettili che erano chiaramente in grado di volare e non solo di planare. Il peteinosaurus aveva un'apertura alare di 60 cm. I denti conici, regolari e appuntiti, inducono a supporre che si nutrisse di insetti catturati in volo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]