Pelecanoides magellani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Pelecanoides magellani
Stato di conservazione
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Procellariiformes
Famiglia Procellariidae
Genere Pelecanoides
Specie P. magellani
Nomenclatura binomiale
Pelecanoides magellani
Mathews, 1912[2]
Nomi comuni

Petrello tuffatore di Magellano

Il petrello tuffatore di Magellano (Pelecanoides magellani Mathews, 1912 ) è una specie di uccello procellariforme della famiglia Procellariidae che vive nelle estreme coste meridionali dell'America del Sud.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lungo poco meno di 20 cm, il petrello tuffatore di Magellano è un uccello compatto con corte ali e una coda relativamente lunga. Come gli altri petrelli tuffatori ha le parti superiori del corpo di colore nero e le zone ventrali di colore bianco. Si distingue dal petrello tuffatore del Perù (Pelecanoides garnotii) per una minore taglia e per la presenza di una caratteristica mezzaluna bianca che sale dalla gola per arrivare dietro la corona.[3] La stagione degli accoppiamenti va da novembre a dicembre.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il petrello tuffatore di Magellano vive sulle coste meridionali dell'America del Sud, tra Cile, Argentina e Isole Falkland, spingendosi a volte sulle coste meridionali del Brasile. È stato avvistato anche ad una distanza di 128 km dalla terraferma.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pelecanoides magellani, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (ES) Potoyunco magallánico (Pelecanoides magallanico), su avibase.bsc-eoc.org, Avibase – the world bird database. URL consultato il 13 dicembre 2014.
  3. ^ Onley & Scofield, p. 106.
  4. ^ a b (EN) Pelicanoides magellani, su iucnredlist.org, The IUCN Red List of Threatened Species. URL consultato il 13 dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Derek Onley, Paul Scofield, Albatrosses, Petrels and Shearwaters of the World, A&C Black, 2009, ISBN 9781408108772.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]