Paul Wolfowitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Wolfowitz
Paul Wolfowitz.jpg

10º Presidente della Banca Mondiale
Durata mandato 1º giugno 2005 – 30 giugno 2007
Predecessore James Wolfensohn
Successore Robert Zoellick

25° Vicesegretario della Difesa
Durata mandato 20 gennaio 2001 – 1º giugno 2005
Predecessore Rudy de Leon
Successore Gordon England

10° Ambasciatore in Indonesia
Durata mandato 11 aprile 1986 – 12 maggio 1989
Predecessore John H. Holdridge
Successore John C. Monjo

Dati generali
Partito politico Democratico (fino al 1981)
Repubblicano (1981-presente)
Tendenza politica Neoconservatore

Paul Dundes Wolfowitz (New York, 22 dicembre 1943) è un politico e diplomatico statunitense.

All'inizio degli anni novanta in cui fu Sottosegretario alla Difesa contribuì all'elaborazione della linea di politica estera americana che fu definita dottrina Wolfowitz.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato presidente della Banca Mondiale dal 1º giugno 2005 al 30 giugno 2007, quando fu costretto a dimettersi dopo essere stato accusato di avere accordato un aumento di stipendio alla sua compagna, anche propria dipendente[1].

In qualità di vicesegretario alla difesa è stato il principale architetto della politica estera dell'amministrazione di George W. Bush, che nel 2003 ha portato alla guerra in Iraq.[2]

Wolfowitz ha doppia cittadinanza: statunitense ed israeliana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Polidori, Scandalo alla Banca Mondiale, Wolfowitz raccomandò l'amante, la Repubblica, 13 aprile 2007. URL consultato il 18 ottobre 2008.
  2. ^ Peter J. Boyer, The Believer: Paul Wolfowitz Defends His War, The New Yorker, 1 novembre 2004. URL consultato il 31 ottobre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN115819489 · LCCN: (ENn82107750 · ISNI: (EN0000 0000 8323 0610 · GND: (DE130055417