Classe Thaon di Revel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classe Thaon di Revel
Descrizione generale
Naval Ensign of Italy.svg
TipoPattugliatore
Fregata multiruolo
Numero unità7 unità commissionate
CostruttoriFincantieri
CantiereCantiere del Muggiano
Caratteristiche generali
Dislocamento
  • standard: 4.500 t
  • a pieno carico: 6.270 t
Lunghezza
  • tra le perpendicolari: 133 m
  • fuori tutto: 143 m
Larghezza16,5 m
Altezza10,5 m
PropulsioneCODAG:
  • 1 turbina a gas da 32 MW (GE LM2500+G4)
  • 2 motori diesel da 10 MW (MTU 20V 8000 M91L)
  • 2 motori elettrici reversibili da 1.35 MW
  • 4 diesel generatori da 1.6 MW generazione in bassa tensione: 690 V/60 Hz (**)
Velocità32 nodi (59,26 km/h)
Autonomia5 000 miglia a 15 nodi (9 260 km a 27,78 km/h)
Equipaggio173 (posti letto)
Armamento
Artiglieria1 cannone multiruolo Oto Melara da 127/64 mm
1 cannone multiruolo Oto Melara da 76/62 mm
2 mitragliere remotizzate Oto Melara Oerlikon KBA da 25 mm.
4 mitragliatrici da 12,7 mm
SiluriPPA Full: 2 lanciatori trinati per siluri MU90 (FFBNW)
MissiliPPA Full e Light+: 2 lanciatori a 8 celle DCNS SYLVER A50 VLS per 16 missili Aster 15, 30 e 30B1

PPA Full, Light+ e Light: 8 lanciatori per missili Teseo/Otomat Mk-2/E con gittata superiore ai 360 km e capacità di attacco a terra (FFBNW)[1][2]

Mezzi aerei2 elicotteri SH90 o 1 elicottero AW101
Note
Rampa di poppa con bacino per 1 RHIB da 11 metri
Capacità di carico fino a 8 container ISO 1C, per 120 t max complessive
dati tratti da[3][4][5]
voci di navi presenti su Wikipedia

I pattugliatori polivalenti d'altura (PPA) della classe Thaon di Revel[6] rappresentano il programma per una futura classe di unità navali multiruolo della Marina Militare, che sostituiranno le fregate classe Soldati e le corvette classe Minerva.

La nuova classe fa parte della legge navale 2014-2015 che prevede la suddivisione delle unità nelle seguenti tre diverse versioni:

  • PPA Light: versione leggera, adatta al pattugliamento litoraneo ed al contrasto della criminalità in mare;
  • PPA Light+: versione media, adatta sia al pattugliamento litoraneo che al supporto ed al combattimento;
  • PPA Full: versione pesante, adatta al combattimento di prima linea.

Il piano prevedeva 16 unità complessive ma sono state commissionate solo sette unità: due PPA Light, tre PPA Light+ e due PPA Full.

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il Pattugliatore Polivalente d’Altura (PPA) rappresenta una tipologia di nave altamente flessibile con capacità di assolvere molteplici compiti che vanno dal pattugliamento al combattimento di prima linea. Sono presenti tre versioni (Light, Light+ e Full).

Le prime due versioni saranno velocemente convertibili nella versione più potente e pesantemente armata, grazie anche all'elevato grado di modularità delle unità.

Lo scafo presenta una forma innovativa, che insieme al nuovo rostro prodiero, punta ad ottimizzare la spinta idrodinamica allo scopo di soddisfare requisiti prestazionali molto sfidanti, pur mantenendo un moderato impatto ambientale e garantendo l'economicità di gestione.

Le navi presenteranno due zone ad alta modularità, una di centro nave e l'altra di poppa.

La prima presenterà una gru Davit con due braccia dispiegabile per il trasporto, il lancio ed il recupero di imbarcazioni lunghe fino a 11 metri e pesanti fino a dieci tonnellate, e una gru centrale per container fino a venti tonnellate. Questa zona presenterà una capacità di carico fino a otto container ISO 1C, per 120 t massime complessive.

La seconda zona modulare invece potrà fungere da bacino per mezzi delle forze speciali, da magazzino pallettizzato, da comparto sanitario, da comparto alloggi (30 posti più un'area igiene) o come zone USV e ROV più cittadella di comando.

Adiacente a questa zona sarà presente in modo predefinito una rampa per il lancio ed il recupero di un veicolo anfibio di tipo RHIB di massimo 11 metri.

La zona plancia presenta una moderna ed innovativa forma, molto simile a quella di un elmo, assicurando un ampio raggio di visibilità nonché un elevatissimo grado tecnologico, essendo in questa riuniti tutti i sistemi di controllo, di autodifesa ed attacco, navigazione e propulsione.

Elettronica[modifica | modifica wikitesto]

L'intero sistema elettronico è stato realizzato da Leonardo, che fornisce un Combat Management System di nuova generazione ad architettura aperta, modulare e riconfigurabile, progettato per essere un sistema C4I completo, con accesso ai servizi di rete della Coalizione così come a quelli Strategici Nazionali.

Nella plancia è stato previsto un innovativo sistema denominato “cockpit” realizzato insieme a Fincantieri, che consentirà per la prima volta la gestione integrata delle operazioni relative sia alla conduzione della nave sia al sistema di combattimento, con un numero ridotto di addetti, grazie anche all’impiego di tecnologie di realtà aumentata.

Esso comprende un radar AESA 3D Kronos Dual Band, composto da quattro facce fisse. Ognuna di esse comprende a sua volta due pannelli radar, uno in banda C (per la sorveglianza e il tracciamento aerei a medio-lungo raggio e per la sorveglianza e il tracciamento anti-missile balistico, oltre che per la guida dei missili superficie-aria del sistema SAAM-ESD) ed uno in banda X (per la sorveglianza di superficie e per la sorveglianza e il tracciamento aerei a corto raggio). La variante Full sarà equipaggiata col sistema completo, la Light+ avrà solo i pannelli in banda C e la Light avrà solo quelli in banda X.

Le unità saranno equipaggiate con il radar in banda X per la ricerca aerea e di superficie SPS-732 (RAN 30X/I).

Altre sensori sono: un radar per il controllo del fuoco NA-30S MK2, due radar in banda X e Ka per la navigazione, un sistema IRST (InfraRed Search and Track), sensori per il riconoscimento amico/nemico (IFF, Identification Friend and Foe) e due antenne SATCOM, una a due bande ed una a tre.

In campo ASW le PPA saranno dotate di un sonar trainato, sia attivo sia passivo, a bassa-medio frequenza a profondità variabile ATAS e di un sonar trainato Black Snake, progettato per la scoperta e la classificazione di siluro nemici in arrivo.

Leonardo fornirà anche il Diver Detection Sonar, l'Underwater Telephone e il Bathy Thermpograph Unit.

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

L'armamento di base, comune a tutte e tre le versioni sarà costituito da: un cannone (a prua) OTO Melara 127/64 munito del munizionamento Vulcano e da un cannone (sull'aviorimessa di poppa) OTO Melara 76/62, del tipo sovraponte, munito di munizionamento Davide/Strales e con predisposizione per il Vulcano. Sempre sull'aviorimessa di poppa, troveranno posto 2 mitragliere a controllo remoto Oto Melara / Oerlikon KBA 25/80 e 2 lanciarazzi ODLS-20 per le contromisure AAW e ASW.

Le unità potranno poi vantare un impianto missilistico di ultima generazione VLS Sylver A-50 per il lancio in verticale di 16 missili Aster 15, Aster 30 e Aster 30 B1NT o di 64 nuovi CAMM-ER, già implementato nelle versioni Light+ e Full, mentre nel caso della versione Light vi sarà solo la predisposizione per una loro possibile installazione. Tutte le versioni avranno la predisposizione per un sistema di 4 lanciatori binati per il lancio di 8 missili anti-nave e land attack OTOMAT TESEO Mk-2E.

Per quanto riguarda la capacità silurante nelle versioni Light e Light+ sarà presente la predisposizione per 2 lanciatori trinati per siluri da 324mm MU-90 Impact, mentre nella versione Full essi saranno già implementati.

Sulle PPA versione Full saranno installati due lanciatori ODLS 20 (OTO Decoy Launching System) a controllo remoto il cui ruolo principale è fornire alla nave una difesa passiva dai radar e dai missili dotati di seeker IR, ma anche decoy ASW, (nelle altre due versioni vi sarà solo la predisposizione per la loro installazione).

Importante infine, la presenza di un Hangar e un ponte di volo per 2 elicotteri NH90 o un AgustaWestland AW101.

Classe[modifica | modifica wikitesto]

Matricola Nome Versione Cantiere di costruzione Impostazione Varo Consegna Base
P 430 Paolo Thaon di Revel[7] Light Riva Trigoso, Muggiano 9 maggio 2017 15 giugno 2019 18 marzo 2022 La Spezia
P 431 Francesco Morosini Light Riva Trigoso, Muggiano 16 febbraio 2018 22 maggio 2020[8] Maggio 2022
P 432 Raimondo Montecuccoli Light+ Riva Trigoso, Muggiano 8 novembre 2018 13 marzo 2021[9][10] Gennaio 2023
P 433 Marcantonio Colonna Light+ Riva Trigoso, Muggiano 3 settembre 2020 settembre 2021 Ottobre 2024
P 434 Giovanni delle Bande Nere Full Riva Trigoso, Muggiano 28 agosto 2019 12 febbraio 2022 Aprile 2024
P 435 Ruggiero di Lauria Light+ Riva Trigoso,Muggiano 20 ottobre 2021 Agosto 2025
P 436

PPA 7

Full Riva Trigoso, Muggiano Agosto 2026

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.airpressonline.it/33516/33516/
  2. ^ http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,2349.html
  3. ^ Approccio innovativo al progetto delle Navi del Programma di rinnovamento navale (PDF), su gsweek.it. URL consultato il 7 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2017).
  4. ^ Pattugliatori Polivalenti d'Altura, su fincantieri.com. URL consultato il 7 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2017).
  5. ^ PPA: Pattugliatori Polivalenti d'Altura, su marina.difesa.it. URL consultato il 7 aprile 2018.
  6. ^ Il progetto PPA la classe Thaon di Revel "le Formula 1 del mare" (PDF), su marina.difesa.it. URL consultato il 23 aprile 2020.
  7. ^ http://www.occar.int/ppa-contract-amendment-no-2-signed?redirect=/programmes/ppa%23news
  8. ^ Varata nave Francesco Morosini, su marina.difesa.it.
  9. ^ "Varato il pattugliatore Raimondo Montecuccoli, terzo PPA" - "Rivista italiana difesa" N. 4 - 04/2021 pag. 11
  10. ^ "Varato il pattugliatore polivalente d'altura Raimondo Montecuccoli della Marina Militare italiana" - "Aeronautica & Difesa" N. 415 - 05/2021 pag. 19

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina