Pasquale Massacra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pasquale Massacra (Pavia, 1819Pavia, 16 marzo 1849) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Pavia nel 1819. Nonostante le umili origini, la sua predisposizione pittorica viene agevolata dalla stessa famiglia, che lo affida prima ad un intagliatore di ornato, poi a un verniciatore di insegne: Paolo Santi. Nel 1838, per interessamento di Cesare Ferreri, direttore della Civica Scuola di Disegno e di Incisione (in seguito divenuta Civica Scuola di Pittura), si iscrive ai corsi. Più che positive le segnalazioni ottenute nei saggi annuali di fine anno, eppure nel 1841 il giovane abbandona gli studi.

Si dedica a numerose committenze - fra cui quelle di pavesi illustri come il Carpanelli e il Marozzi - realizzando soprattutto soggetti storici e patriottici. Da Pavia la fama di Massacra vola a Milano. Le sue opere presentate all'Accademia di Belle Arti di Brera ricevono giudizi estremamente favorevoli e l'artista, ancora giovanissimo, viene salutato come un potenziale innovatore della futura pittura italiana. Il pittore Hayez, con cui ebbe dei contatti, fu per lui un maestro e fu prodigo di consigli e suggerimenti. Ma la morte è in agguato: la sua vita viene stroncata nel 1849, a soli 30 anni, in una tragica azione patriottica.

Tra i suoi dipinti conservati presso i Musei Civici: La madre di Ricciardino Langosco in traccia del cadavere del figlio, 1846; Frate Jacopo Bossolaro che dal carroccio arringa il popolo eccitandolo contro i Beccaria; Ritratto di giovinetta; Autoritratto.

Altri dipinti: Vergine col Bambino e S. Siro, Basilica di San Michele Maggiore; Storie di S. Antonio nel deserto, chiesa di Santa Maria del Carmine.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pasquale Massacra 1819-1849, G. Nocca-G. Panazza, Pavia, Musei Civici, 1950.
  • Pasquale Massacra. Pittore e patriota. Pavia. Bizzoni. 1909.
  • Comanducci, p. 412, 1939.
  • Pavia cent'anni di cultura artistica, La civica scuola di pittura e il suo tempo, 1976.
Controllo di autorità VIAF: (EN106904751 · LCCN: (ENno2010011528 · SBN: IT\ICCU\LO1V\180497 · ISNI: (EN0000 0001 2146 4195 · GND: (DE140404325 · BNF: (FRcb16227350t (data)