Pinacoteca Malaspina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Musei civici di Pavia.

Pinacoteca Malaspina
Castello Visconteo 16.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPavia-Stemma.png Pavia
IndirizzoCastello Visconteo, Viale XI Febbraio
Caratteristiche
TipoPinacoteca
FondatoriLuigi Malaspina di Sannazzaro
Sito web

Coordinate: 45°11′26.71″N 9°09′29.23″E / 45.190754°N 9.158119°E45.190754; 9.158119

La Pinacoteca Malaspina è la pinacoteca civica di Pavia. Costituisce una sezione dei Musei civici di Pavia, ospitati all'interno del Castello visconteo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vero padre fondatore del Museo è ritenuto il Marchese Luigi Malaspina di Sannazzaro, illuminista (1754/1835). Ha sede dal 1951 nel castello visconteo che era stato ceduto al comune di Pavia nel 1933 da parte dello stato, dove furono trasferite le opere che prima si trovavano nello Stabilimento di Belle Arti Malaspina. Comprende dipinti databili tra il XIII e il XIX secolo, e brani di affreschi provenienti da monumenti distrutti sul territorio pavese[1].

La pinacoteca Malaspina ha il suo nucleo nella donazione del sovra citato Marchese; è stata ampliata con donazioni successive di vari enti e personalità, come Brambilla e Radlinski. Nel 2001[2] la pinacoteca è stata arricchita dal lascito disposto dai collezionisti pavesi Carlo e Giulia Morone, la donazione è costituita da 66 opere, tra dipinti, pastelli e disegni di artisti italiani quali Federico Zandomeneghi, Giovanni Segantini, Plino Nomellini, Giuseppe de Nittis, Luigi Conconi, Daniele Ranzoni, Tranquillo Cremona, Giovanni Boldini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Vittore Grubicy de Dragon, Carlo Fornara e molti altri. La maggior parte delle opere della Quadreria del 1800-1900 viene dalla Civica Scuola di Pittura soppressa nel 1934; le successive donazioni sono di diversi mecenati tra cui la famiglia Cairoli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ottocento e Novecento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il castello visconteo di Pavia e i suoi musei: guida, Donata Vicini, Logos international, in collaborazione con il Comune di Pavia, Assessorato alla cultura, 1984.
  2. ^ restauri per i musei civici, su amicideimuseipavesi.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]